19 Giugno 2023

ISS: CODACONS CHIEDE APERTURA PROCEDIMENTO DISCIPLINARE CONTRO WALTER RICCIARDI

DOPO ULTIMA SENTENZA DEL CONSIGLIO DI STATO SU CONFLITTO DI INTERESSI

Il Codacons, alla luce dell’ultima decisione del Consiglio di Stato che si è espresso sui conflitti di interessi all’interno dell’Istituto Superiore di Sanità, ha presentato oggi una istanza all’Iss chiedendo l’apertura di un procedimento disciplinare nei confronti del prof. Gualtiero Ricciardi, poiché sembrerebbe che lo stesso non abbia prodotto alcuna dichiarazione specifica in relazione ai legami e a tutti i rapporti intrattenuti con le aziende farmaceutiche, durante il periodo in cui egli ha rivestito incarichi di vertice presso l’Istituto Superiore di Sanità, dapprima, come Commissario Straordinario, e, successivamente, come Presidente.
Il rilievo istituzionale dell’Istituto Superiore di Sanità e le rilevanti funzioni da esso svolte, nonché le conseguenze economiche e sociali delle decisioni dallo stesso assunte, rendono l’obbligo dichiarativo a carico dei soggetti operanti nell’Istituto ancora più stringente – spiega il Codacons – Con la sentenza n. 4244 del 27.04.2023 il Consiglio di Stato ha affermato che “l’asserita presenza di conflitti di interesse è una situazione che dà vita non già a un inesistente potere sanzionatorio o di vigilanza ulteriore oltre a quella sinora descritta bensì a: a) eventuali profili di responsabilità disciplinare in capo al dipendente che si sia eventualmente reso responsabile di violazione di obblighi di astensione in caso di conflitti di interessi; b) eventuali profili di responsabilità penale per abuso d’ufficio…”.
Il prof. Ricciardi si sarebbe reso responsabile di violazione dell’obbligo di astensione in caso di conflitto di interesse, come previsto dalla l. n. 190/2012.
A parere dell’Associazione, dunque, il comportamento del prof. Gaultiero Ricciardi va sottoposto, previa istruttoria dettagliata e motivata, al potere disciplinare come conferito all’amministrazione di appartenenza.
Il Codacons ha ritenuto inoltre indispensabile segnalare il caso alla Procura della Repubblica di Roma al fine di accertare se dietro agli incarichi assunti possano celarsi possibili interessi speculativi volti a favorire le aziende farmaceutiche produttrici di vaccini.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this