25 Maggio 2020

Ironia e critiche contro Gallera

ROMA – Non si spegne la polemica legata alle parole di sabato dell’ assessore lombardo al Welfare, Giulio Gallera, che per spiegare come l’ indice di contagiosità in Lombardia si sia abbassato a 0,51 ha detto che “per infettare me bisogna trovare due nello stesso momento infette”. “Dall’ assessore alla sanità della Lombardia l’ ennesima dimostrazione dell’ inadeguatezza nel gestire la cosa pubblica e la salute di milioni di cittadini” ha scritto ieri su Twitter il portavoce nazionale di Sinistra Italiana (SI) Nicola Fratoianni. “Non c’ è bisogno di aggiun gere altro, dopo quello che è accaduto in questi drammatici mesi. Solo l’ esigenza ormai irrinunciabile – ha concluso l’ esponente di Leu – di commissariare la sanità in quella regione. È un fatto di decenza e di sicurezza pubblica”. Sul tema è intervenuto anche l’ ex ministro Danilo Toninelli per sbeffeggiare l’ assessore: “Ma vi rendete conto? – ha detto – Lui è quello che ha fatto la delibera che mandava i positivi COVID nelle case di riposo creando una bomba di contagio che chissà quanti morti in più ha causato e lui è quello che dopo settimane e settima ne dall’ inizio della pandemia si è accorto che esisteva una legge degli anni Settanta che avrebbe permesso di fare la zona rossa nella Val Seriana ed era la legge istitutiva del servizio sanitario nazionale che lui nemmeno conosceva. Questi sono i competenti del centrodestra! Questi sono quelli bravi?”. Inoltre, il Codacons ha annunciato un esposto alla Procura delle Repubblica e ha chiesto le dimissioni di Gallera: “È inammissibile l’ incompetenza di un pubblico dipendente sulle potenzialità di contagio Rt”.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox