1 Ottobre 2004

Intesaconsumatori critica la finanziaria

LA MANOVRA ECONOMICA «Ogni famiglia sborserà 320 euro in più»







ROMA. Cinquanta euro per la tassa rifiuti, 150 per l?assicurazione della casa anticalamità, 40 per l?Ici, 30 per i valori bollati sui processi (perchè non si potrà più ricorrere ai giudici di pace). E ancora 25 euro di tariffe idriche e 25 euro di aumenti dei giochi e delle lotterie. E? lungo, secondo l?Intesaconsumatori, l?elenco delle spese che le famiglie italiane dovranno sopportare a causa delle misure previste in Finanziaria, per un totale di 320 euro. In base ai calcoli dell?Intesa i «6 miliardi di euro di sgravi fiscali promessi a rate, saranno infatti pagati pronta cassa tra Ici, Tarsu, rc casa, tariffe idriche e spese per la salute per un totale di 6,8 miliardi». Le associazioni dell?Intesa definiscono la manovra «una sorta di libro dei sogni nel gioco delle tre carte. Tra una carta che vince e una che perde – affermano i consumatori – vince sempre lo Stato e le perdite certe sono delle famiglie». Le previsioni contenute nella Finanziaria sono «irrealistiche in una congiuntura al limite della stagnazione». E «mancano i fondi per ricerca, innovazione e modernizzazione, eccetto i contribuiti alla banda larga – continua l?Intesa – che speriamo non sia un lapsus freudiano, ossia un?ammissione indiretta di responsabilità da parte di un governo che sta taglieggiando le famiglie italiane».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox