16 Settembre 2009

Intercity Venezia-Roma deraglia ad Arezzo Le Fs: “Era in manovra”. Nessun ferito

DA REPUBBLICA.IT
 
AREZZO – Paura per i trecento passeggeri dell’Intercity 703 Venezia-Roma. Nel pomeriggio il treno è deragliato tra le stazioni di Arezzo e Chiusi-Chianciano Terme. L’incidente non ha provocato alcun ferito e secondo quanto precisano le Ferrovie dello Stato, si è trattato di "un piccolo sviamento in manovra". Il treno è ripartito con un nuovo locomotore, mentre la carrozza coinvolta nell’incidente è rimasta ferma. La circolazione è proseguita regolarmente, fanno sapere ancora le Fs, sulla linea storica e sull’altro binario della direttissima, con ritardi di percorrenza degli altri convogli contenuti entro i 20 minuti. La preoccupazione dei macchinisti. "Continuiamo ad essere preoccupati – affermano i macchinisti – per la sicurezza ferroviaria poiché anche stavolta solo per caso non ci sono state conseguenze disastrose, considerando che su quei binari viaggiano i treni passeggeri e l’Alta Velocita". Secondo il periodico sindacale In Marcia "non si sa se l’origine dell’incidente derivi da problemi al treno o al binario. L’area del deragliamento risulterebbe interessata da lavori di manutenzione su rotaie e scambi".  Il Codacons chiede sicurezza. "Altro che due miliardi di euro per l’acquisto di treni nuovi, serve garantire la sicurezza delle carrozze in circolazione oggi".  Ad affermarlo in una nota è il presidente del Codacons, Carlo Rienzi, in merito all’incidente. Un episodio che si aggiunge ai 36 registrati nel nostro Paese solo nel periodo giugno 2008-giugno 2009, aggiunge l’associazione dei consumatori, e che "dimostra come il trasporto ferroviario italiano necessiti oggi di interventi per evitare deragliamenti, svii e altri sinistri, e dimostra come le nostre critiche al piano presentato pochi giorni fa dalle Ferrovie siano più che fondate".

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox