5 Aprile 2014

Intercity addio «Troppo costosi e usati dai pendolari» Insorge il Codacons

Intercity addio «Troppo costosi e usati dai pendolari» Insorge il Codacons

ROMA Gli Intercity usciranno definitivamente dalla rete ferroviaria a fine giugno per essere in parte sostituiti da servizi di trasporto locali. Lo ha annunciato rispondendo a un’ interpellanza alla Camera, il sottosegretario di Stato perle infrastrutture e i trasporti, Umberto Del Basso de Caro. «Ferrovie dello Stato ha riferito che la quota di intercity effettuati a mercato che percorrono principalmente la linea tra Roma e Firenze e servono varie destinazioni, da Milano, Trieste/Venezia sino a Roma/Napoli/Salerno, sono collegamenti che svolgono spesso un servizio di cabotaggio, servendo flussi pendolari che li utilizzano per tratte limitate, sostanzialmente paragonabile a quello del trasporto ferroviario locale gestito dalle Regioni – ha spiegato Del Basso de Caro -. Questi treni presentano un rapporto costi -ricavi negativo, con perdite rilevanti. Trenitalia ha perciò comunicato alministero dei Trasporti l’ intenzione di sospenderne l’ effettuazione in regime di mercato». «Pertanto- ha proseguito il sottosegretario – due di questi intercity (la coppia 586/587 in partenza da Roma alle ore 9,40 con arrivo a Milano alle 16,15 e in partenza da Milano alle 10,50 con arrivo a Roma alle 17,20) che registravano uno scarso utilizzo – sono stati soppressi dal 1° marzo», mentre per il servizio relativo ai restanti Intercity, non compresi nel contratto di servizio con lo Stato (5 coppie) «il Mit studierà alternative». Trenitalia s’ impegna a mantenere gli Intercity fino a giugno, cioè fino al nuovo orario». Insorge il Codacons: «Con questa strategia i viaggiatori sono stati costretti a passare dagli Espressi agli Intercity agli Eurostar ai Freccia Rossa, pagando sempre più soldi per identici viaggi».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox