2 Dicembre 2005

Intanto il Codacons “scopre“ un rapporto Usa

Intanto il Codacons “scopre“ un rapporto Usa secondo cui l`Itx è pericoloso per la salute



Ormai è rimasto solo il Comitato per la sicurezza alimentare europea (Efsa) a sostenere che non ci sia “alcuna necessità“ di ritirare i prodotti alimentari a rischio Itx (ma il comitato solo fra quattro mesi comunicherà la sua “opinione definitiva“ sull`Itx). Aspettando la primavera, ieri il Codacons ha ripescato un documento dell`agenzia governativa americana Epa secondo cui l`Itx sarebbe molto pericoloso: nella pubblicazione Human Health and Ecological Hazard Results, il rischio viene definito “alto“ per 30 microgrammi di Itx per litro, quando la quantità trovata nel latte di Nestlé era pari a 250 microgrammi. Le associazioni dei consumatori ipotizzano nuove azioni legali nei confronti delle aziende coinvolte. A tre mesi dalla scoperta dell`inchiostro nel latte, appare dunque più che giustificato il “principio di precauzione“ che ha spinto Coop Italia a ritirare alcuni prodotti dagli scaffali: succhi e latte italiano questa volta, marchi famosi, Parmalat, Granarolo e Newlat. Coop, che ogni anno ritira centinaia di prodotti non conformi, fa sapere che questo ritiro è stato concordato con le aziende. Ma la sostanza non cambia, dopo la multinazionale (Nestlé è sparita dalle cronache) tocca a due marchi nostrani finire sul giornale, magari con inserzioni pubblicitarie. “Come è successo in altre occasioni – precisa Coop – la scelta potrebbe rivelarsi eccessiva rispetto ai reali rischi per i consumatori, tuttavia il principio di precauzione richiede questi interventi, riscontrabili in decine di altri casi nel corso dell`anno“. Anche Carrefour ha ritirato quei prodotti. Il Gruppo Granarolo ha dichiarato che gli imballi precedentemente stampati con Itx (“meno dell`1% della produzione“) erano già stati ritirati, e per questo “invita gli operatori ad evitare ingiustificati allarmismi“. Ma è Parmalat che rischia grosso; perché il gruppo guidato da Enrico Bondi, dopo il crack, sta puntando tutte le sue carte sul prodotto, che ormai è l`unico punto di forza per provare a ripartire. Quanto alla Tetra Pak, i cui legali ieri sono stati ascoltati dalla procura di Ascoli, continua a sostenere di avere utilizzato Itx solo su una quota marginale della produzione, e “fino al 30 ottobre“. Una data che di fatto è una ammissione di responsabilità, visto che dal 2 settembre tutti gli addetti ai lavori (ministero e aziende) erano al corrente dell`inquinamento. “Nestlé e Tetra Pak hanno il dovere della prudenza“, dice ora il ministero della Salute riferendosi alle pubblicità che con troppa leggerezza danno per scontata l`innocuità dell`Itx. Una prudenza che tutti – Storace per primo – avrebbero fatto bene a esercitare mesi fa, perché la gestione pasticciata della crisi, che sembrava giustamente penalizzare solo Nestlé, adesso rischia di tagliare le gambe anche ai produttori di latte nostrano.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox