7 Marzo 2007

Informazione agli anziani contro le truffe e i raggiri

Iniziativa sabato nel Centro di viale San Marco I rischi arrivano soprattutto dall`annuncio di concorsi vinti
Informazione agli anziani contro le truffe e i raggiri da parte di Federconsumatori

Non si sono verificati casi particolari, ma c`è una sempre più diffusa preoccupazione sul fenomeno dei raggiri che colpiscono, come è noto, soprattutto gli anziani. Ecco perché la Federconsumatori mette in campo l`arma dell`informazione contro i disonesti. Sabato 17, alle 16 al Centro anziani di viale San Marco, si terrà infatti l`incontro su “La sicurezza dell`anziano, forma di prevenzione ed autotutela“. “Non abbiamo avuto segnalazioni particolari su truffe negli ultimi mesi, anche perché non è detto che tutti si rivolgano a noi per segnalarle. Anche se molti hanno chiamato per informarsi perché hanno sentito di casi particolari accaduti ad amici e conoscenti – spiega la Federconsumatori -. Anche senza l`emergenza, l`allarme quindi c`è, e per questo abbiamo messo in campo questa particolare iniziativa“. Anche il Codacons, da parte sua, segnala che la situazione è tranquilla, ma questo non significa che i casi non si verifichino. “Per esempio, non ci sono situazioni di finti operai Enel che si introducono nelle case – spiega l`associazione – ma, per esempio, continuano i raggiri che fanno credere di aver vinto qualcosa e poi invogliano all`acquisto“. Il trucco è questo: si viene contattati da un`agenzia o da un`associazione che comunica di aver selezionato il nominativo come vincitore di un premio, e invita ad andarlo a ritirare di solito in un hotel nelle vicinanze. Una volta lì, si scopre però che per ritirare il premio si deve acquistare qualcosa, a volte qualcosa di molto costoso. Oppure, ancora peggio, si firmano delle carte che solo dopo si scoprono essere delle promesse di acquisto. “Non sono raggiri solo agli anziani, ma certo sono loro quelli che è più facile ingannare“, spiega il Codacons. Di conseguenza, a volte sono proprio gli anziani quelli che restano maggiormente coinvolti. E per loro bisogna prevedere tutele particolari. Perché ci sono delle precauzioni che si possono prendere per evitare di essere gabbati. Prima di tutto, non fare entrare sconosciuti in casa, anche se affermano di essere tecnici di società pubbliche. In secondo luogo, se accade, tenerli sempre sotto occhio e non lasciarli vagare per l`appartamento. Infine, evitare di firmare alcunchè, perché spesso semplice richieste di firme per “attestare la visita“ sono poi risultate delle promesse di acquisto di televisori, enciclopedie e altri articoli piuttosto costosi.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox