22 Ottobre 2002

INFLUENZA: NO ALLA VACCINAZIONE DI MASSA

INFLUENZA: NO ALLA VACCINAZIONE DI MASSA CHE VA A UNICO VANTAGGIO DELLE INDUSTRIE FARMACEUTICHE IL VACCINO DEVE ESSERE SOMMINISTRATO SOLO ALLE CATEGORIE INDICATE DAL MINISTERO DELLA SALUTE

IL CODACONS DENUNCERA? PER PROCURATO ALLARME CHI PROPAGANDERA? LA VACCINAZIONE DI MASSA








Si riaccende la polemica sul vaccino anti-influenza. Ogni anno, medici ed esperti del settore invitano i cittadini a vaccinarsi contro il solito virus alle porte che determinerà febbre, mal di gola, dolori muscolari, ecc. E ogni anno i numeri circa le persone che subiranno il contagio aumenta: per il 2002 si parla addirittura di 5 milioni di italiani che saranno costretti a letto dall?influenza. Tuttavia le nefaste previsioni vengono puntualmente smentite dai fatti: il numero di ammalati è sempre sensibilmente inferiore rispetto a quello previsto. Ma l?invito incondizionato a vaccinarsi risponde a delle esigenze ben precise, quelle dell?industria farmaceutica, che mette con un certo anticipo sul mercato il vaccino antinfluenzale, e che non può certo rischiare un flop di vendite che arrecherebbe alle stesse ingenti danni economici.

Anche a seguito della notizia secondo cui il Centro nazionale per le malattie infettive di Atlanta consiglierebbe il vaccino oltre che alle categorie tradizionali (over 65, pazienti con patologie croniche e bambini asmatici) anche alla prima infanzia, interviene il Codacons che si oppone con forza alla vaccinazione di massa a tutti gli italiani e minaccia di denunciare per procurato allarme tutti coloro che propaganderanno tale vaccino oltre ai casi previsti dal Ministero della Salute.

Si dice inoltre che la vaccinazione antinfluenzale è del tutto innocua. E questo non è del tutto esatto: si consiglia di non farla nelle donne nei primi 3 mesi di gravidanza (il che significa che qualche danno nei tessuti ?delicati? possono sempre provocarlo), è sconsigliata nelle persone che hanno allergia alle uova (dato che la coltura dei virus inattivi avviene nelle uova) e negli anni 70 e 90 negli USA furono segnalati decine di casi di una potenzialmente grave (anche fatale) infiammazione acuta di numerosi nervi (polinevrite acuta o sindrome di Guillain-Barré) nel corso di una massiccia (decine di milioni di persone) campagna di vaccinazione antinfluenzale. Non si devono poi escludere i vantaggi di questa malattia, così irrispettosa e impertinente nei confronti della scienza moderna: puoi goderti qualche giorno di riposo dal ?logorio della vita moderna?, essere coccolato con bevande calde (ancor meglio se offerte, come nel caso del film citato, da dolci ed attraenti signore), leggere qualche libro trascurato, non fumare, perdere qualche chilo di troppo (con grande vantaggio per la propria salute).

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox