10 Ottobre 2009

Influenza A H1N1: il Codacons critica le misure prese per combattere il diffondersi del virus

 Il Codacons attacca con una nota i provvedimenti presi per contrastare il diffondersi dell’influenza A nelle scuole. Il 18 settembre scorso il ministro Gelmini, in accordo con il Ministero del lavoro e della salute, ha inviato a tutti gli uffici interessati e le scuole, la circolare con la quale ha diramato le "attese’ raccomandazioni e indicazioni operative per la gestione dei casi di influenza pandemica da virus A/H1N1V. Nelle raccomandazioni, rivolte al personale della scuola e agli studenti, spicca l’indicazione di lavarsi regolarmente le mani con acqua e sapone, soprattutto dopo avere tossito, starnutito ed essersi soffiato il naso. "Ci si chiede con quale sapone e con quale asciugamani si debbano pulire gli alunni – spiega Rienzi – visto che nei bagni della maggior parte delle scuole non vi sono nè il dispenser del sapone, nè quello delle tovagliette e nè tantomeno quello della carta igienica se non il tradizionale rotolo che gli studenti al bisogno si passano di mano in mano insieme ai virus’. Altra gravissima mancanza è il non aver ribadito il rispetto del massimo affollamento consentito nelle aule e il non superamento degli indici minimi di spazio per ogni alunno previsti dalle norme sull’edilizia scolastica, urbanistica e funzionalità didattica e di quelle sull’igiene e sicurezza sul lavoro. Il non rispetto degli indici minimi previsti significa mettere nello stesso spazio molti più alunni, consumare, viziare e saturare l’aria dell’aula molto prima da virus e batteri di ogni specie oltre il proliferare della Pediculosi per via delle distanze molto ravvicinate che gli alunni sono costretti a stare.  Il Codacons, nel ricordare a genitori, studenti e personale della scuola che è possibile segnalare sul sito internet dell’associazione le classi affollate, comunica che ha presentato al Tar ricorso per il mancato inserimento, nelle raccomandazioni e indicazioni operative per limitare la pandemia del Visus influenza A emesse, delle misure di prevenzione e profilassi generica e specifiche. Fino al 15 ottobre, inoltre, è possibile aderire al ricorso per i docenti precari e a quello per le classi sovraffollate.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox