12 Agosto 2011

Inflazione, su benzina e beni quotidiani Prezzi in crescita dello 0,3% in un mese

Inflazione, su benzina e beni quotidiani Prezzi in crescita dello 0,3% in un mese
 

ROMA- A luglio il costo della vita è cresciuto dello 0,3%. Questo il dato dffuso dall’ Istat, che registra un sottile aumento medio dei prezzi nell’ ultimo mese e nessuna variazione rispetto a luglio 2010 (stabili al 2,7%). Nell’ ultimo mese la benzina è aumentata del 13,5% (dal +11,9% di giugno) su base annua, mentre è salita del 2,2% su base mensile. Stessa crescita per il prezzo del gasolio, salito del 17,4% dal +14,0% di giugno. Più caro rispetto allo scorso anno anche il carrello della spesa: per il raggruppamento dei prodotti acquistati con maggiore frequenza (dal cibo ai carburanti) la crescita è stata del 3,4% su base annua, ma è rimasta invariata rispetto al mese precedente. Trasporti più cari. Guardando ai diversi settori, i maggiori incrementi dei prezzi su base mensile interessano trasporti (+1,4%), abitazione, acqua, elettricità e combustibili (+1,1%), bevande alcoliche e tabacchi (+1,0%). In calo risultano i prezzi dei prodotti alimentari e bevande analcoliche (-0,8%), delle comunicazioni (-0,3%) e dei servizi sanitari e spese per la salute (-0,2%). Galoppano i prezzi dei biglietti per traghetti e voli. Quelli del trasporto aereo passeggeri aumentano su base mensile del 14,7% (su base annua +13,4%); quelli del trasporto marittimo e per vie di acque interne mettono a segno un rialzo del 7,4% rispetto al mese precedente ( +33,1% in un anno); i prezzi del trasporto ferroviario passeggeri registrano un aumento contenuto rispetto a giugno (+0,4%), ma crescono molto su base annua (+8,7%). Sempre dovuti alla stagione sono i rialzi congiunturali per campeggi (+20,6%), pensioni e simili (+5,5%); pacchetti vacanza (+8,5%); stabilimenti balneari (+11,6%). Rincari che, sommati, si fanno sentire sul portafoglio. "L’ effetto finale è una stangata senza precedenti per chi va in vacanza. Una famiglia media di quattro persone pagherà 360 euro in più rispetto allo scorso anno", commenta in una nota l’ associazione di consumatori Codacons. Quanto agli alimentari, si segnalano poi gli aumenti annui di caffè (+12,6%) e zucchero (+11,2%), mentre su base mensile l’ Istat rileva significativi cali per la frutta fresca (-10,9%) e i vegetali freschi. Servizi finanziari +4,6%. E anche gli effetti della manovra correttiva approvata circa un mese fa si fanno già sentire. L’ Istat ha infatti registrato un aumento congiunturale del 5% dei prezzi degli ‘ Altri servizi finanziari’ , cresciuti su base tendenziale del 4,6%. Un rialzo principalmente dovuto agli incrementi dell’ imposta di bollo sulle comunicazioni relative ai depositi titoli previsti dalla manovra.
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox