16 Maggio 2002

INFLAZIONE: AUMENTA DELLO 0,7 PER CENTO AD APRILE !

    PREZZI: IL PASSAGGIO ALL?EURO E? STATO PIU? CARO DI QUANTO PRONOSTICATO DALLE TRANQUILLIZZANTI RASSICURAZIONI DEI MINISTRI E DEL COMITATO EURO. IL RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E? DIMINUITO DI 20.000 MLD. DI EURO IN 4 ANNI (97-2001) SCENDENDO DA 50.000 A 30.000 MILIARDI DI EURO.

    TROPPE FAMIGLIE COSTRETTE AD INDEBITARSI PER SOPRAVVIVERE.
    I COSTI DA CHANGEOVER ED I MANCATI RICAVI DELLE BANCHE SULLE COMMISSIONI VALUTARIE AREA EURO,ADDOSSATI AI CONSUMATORI.

    L?indice armonizzato ha presentato un aumento dello 0,7 per cento ad aprile rispetto a marzo 2002 e del 2,5 per cento,rispetto ad aprile 2001-dice l?Istat. Hanno inciso il capitolo trasporti (+0,8); alimentari e bevande analcoliche (+0,6);
    alberghi,ristoranti e pubblici esercizi (+0,5) che hanno registrato aumenti del 4,2 per cento negli ultimi 12 mesi. Ma l?effetto changeover,che non doveva ufficialmente pesare,comincia invece ad influire,come sanno a proprie spese milioni di italiani e che anche l?Istat comincia timidamente ad ammettere: bar e cappuccino sono cresciuti del 2,5 per cento nei primi tre mesi del 2002,con un trend superiore allo 0,8 per cento del 2001 !

    Al di là dei sofismi e delle molteplici interpretazioni,l?aumento del carovita, che doveva riassorbirsi ad aprile dopo il cambio della moneta, non è affatto diminuito a causa della lunga rincorsa agli arrotondamenti,che l?Istat tarda a registrare: come si spiega la lieve incidenza nel paniere,pari allo 0,5075 dei servizi bancari,aumentati del 10 per cento negli ultimi mesi e dello 0,5440 delle assicurazioni sui mezzi di trasporto,rincarati del 10,7 per cento ?

    I prodotti alimentari e bevande non alcoliche,aumentati dello 0,6 per cento ad aprile,del 4,2 per cento nell?ultimo anno,pesano sul paniere il 17 per cento; alberghi, ristoranti e pubblici esercizi,rincarati dello 0,5 per cento ad aprile,del 4,2 negli ultimi 12 mesi,hanno un peso dell?11 per cento sul paniere;i trasporti pesano il 14 per cento e sono beni primari dei quali le famiglie, con i figli in età scolare (l?istruzione pesa meno dell?1 per cento sul paniere),non possono fare a meno.

    Possono evitare di acquistare voci di spesa quali ?ricreazione,spettacoli e cultura? (pesa l?8 per cento sul paniere); abbigliamento e calzature (pesa più del 10 per cento); mobili ed articoli per la casa (meno del 10 per cento);ma non possono evitare di mangiare e di viaggiare per andare a scuola o al lavoro !

    Per questo le famiglie si sentono più povere,non arrivano più a fine mese perché al di là delle interpretazioni statistiche,l?euro con i connessi aumenti,si mangia una settimana di stipendio o di salario e devono attingere ai risparmi ( il risparmio delle famiglie è sceso da 50.000 miliardi di euro del 1997 a 30.000 miliardi di euro (stime) del 2001, oppure indebitarsi per sopravvivere.

    E? scandaloso che i costi dello changeover (pari all?1,5 per cento del fatturato) ed i mancati incassi delle banche sui cambi di valute e divise dell?area euro,vengano disinvoltamente addossati ai consumatori.
















    Adoc


    Carlo Pileri

    Adusbef


    Elio Lannutti

    Codacons


    Carlo Rienzi

    Federconsumatori


    Rosario Trefiletti



      Aree Tematiche:
    • EURO
    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox