10 Agosto 2013

Inflazione, a luglio è stabile all’ 1,2%

Inflazione, a luglio è stabile all’ 1,2%

ISTAT ROMA Il caro vacanze torna puntuale anche quest’ anno: a luglio i biglietti aerei e marittimi sono volati verso l’ alto (+11,2% i primi e +8,7% i secondi rispetto a giugno); forti anche i rincari dei pacchetti vacanze (+11,4%), e i listini di villaggi e campeggi (+20,4%). Ma escludendo trasporti (i biglietti dei treni comunque sono diminuiti del 3,8% rispetto al mese precedente), carburanti e alloggi, per il resto l’ inflazione resta ferma: 1,2% rispetto al 2012, leggermente più alta di quanto atteso nella stima preliminare (1,1%). In alcuni comparti i prezzi sono addirittura diminuiti. E’ il caso – comunica l’ Istat – dei prodotti alimentari. Riempire il carrello della spesa a luglio è costato lo 0,2% in meno rispetto a giugno. Su base annua, comunque, si è registrato un aumento del 2%. Due dati che hanno scatenano reazioni opposte. Da una parte i produttori (la Coldiretti e la Cia) che parlano di «deflazione nel piatto degli italiani» e segnalano che ormai metà della popolazione (53%) compra solo se ci sono promozioni e offerte. Dall’ altra i consumatori che, puntando il dito sul dato annuo, si lanciano in quantificazioni della stangata per le famiglie italiane: 279 euro all’ anno, stima il Codacons; 708 euro, secondo Federconsumatori e Adusbef.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox