fbpx
29 Gennaio 2010

INDUSTRIA: ISTAT, PREZZI PRODUZIONE 2009 – 4,7%

PER IL CODACONS L’INFLAZIONE E’ COLPA E’ DEI COMMERCIATI IL CODACONS CHIEDE DI LIBERALIZZARE IL SETTORE DEL COMMERCIO

I prezzi alla produzione dei prodotti industriali a dicembre sono rimasti invariati rispetto a novembre, ma sono diminuiti dell’1,5% rispetto a dicembre 2008. Nella media del 2009, poi, si registra addirittura un calo del 4,7% rispetto al 2008.
Per il Codacons è la riprova che la colpa dell’inflazione che pagano le famiglie italiane è quasi totalmente dei commercianti, che continuano allegramente a speculare sui prezzi nonostante il calo della domanda, del prezzo dell’energia elettrica e dei prezzi alla produzione. E’ evidente che una diminuzione del 4,7% rispetto al 2008 si sarebbe dovuta traslare in avanti fino al consumatore. Se questo non è avvenuto è solo perché i commercianti, nel nostro Paese, sono protetti dalla concorrenza attraverso leggi lobbistiche.
Il caso più evidente è quello delle industrie alimentari, bevande e tabacco che registrano un – 2,7% alla produzione, mentre le famiglie hanno avuto una variazione media annua nel 2009 di + 1,8 % per gli alimentari e + 3,8% per bevande alcoliche e tabacchi e di, rispettivamente, + 0,4% e + 4,4%  da dicembre 2009 a dicembre 2008.
Ecco perché il Codacons chiede da anni al Governo, e al ministro Scajola in particolare, di liberalizzare il settore del commercio, eliminando tutti gli inutili ostacoli alla concorrenza. E’ assurdo che nel 2010 non si possano ancora fare vendite sottocosto libere o non si possa aprire un negozio per più di 13 ore al giorno o tutte le domeniche.
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox