20 Ottobre 2009

INDUSTRIA: ISTAT; ORDINI AGOSTO -8,6%, – 27,5% ANNUO

     
    IL GOVERNO CAMBI LA FINANZIARIA FANTASMA

     
    Secondo i dati resi noti oggi dall’Istat, in agosto gli ordinativi sono calati del 27,5% su base annua e dell’8,6% rispetto al mese precedente. L’indice del fatturato ha perso il 21,2% sul 2008 e l’1,4% su base mensile. Si tratta della flessione più forte dal gennaio 2000.
    Pochi giorni fa il Codacons aveva evidenziato come il fatto che la produzione industriale avesse segnato ad agosto un + 7% rispetto a luglio, per quanto fosse un valore positivo, non poteva certo significare che la crisi fosse finita, anche perchè ad agosto i dati risentono troppo della stagionalità. La conferma della bontà della tesi del Codacons arriva oggi da questi indici che, per quanto riguardino lo stesso periodo di riferimento, sono in netta controtendenza rispetto ai precedenti.
    La verità è che per parlare di una inversione di trend non basta un solo mese in rialzo. Inoltre è bene che il Governo si metta in testa che anche quando il Pil, il fatturato e gli ordinativi riprenderanno finalmente quota, prima che questo si traduca in aumenti occupazionali ed in una effettiva ripresa dei consumi delle famiglie, dovranno passare parecchi mesi. Ecco perché il Governo non può fermarsi sulla riva del fiume ed attendere che la crisi passi, anche perché questo si tradurrebbe in una perdita secca di competitività del nostro Paese. Per questo il Codacons invita il Governo a rivedere la Finanziaria fantasma.
     

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox