15 Aprile 2008

INCIDENTI STRADALI/ CODACONS: DENUNCIA IN PROCURA CONTRO

Roma, 14 apr. (Apcom) – Dopo la morte di quattro pedoni, investiti ieri in quattro città diverse nel giro di ventiquattro ore, il Codacons ha presentato in procura una denuncia contro i prefetti e i vigili urbani di Chieti, Roma, Napoli e Salerno, “una battaglia in favore del rispetto del Codice della strada“, a fronte di “controlli scarsi e troppe poche multe contro i trasgressori“, si legge in un comunicato. “I pedoni sono sempre più a rischio in molte città italiane, e i casi tragici di questi giorni lo dimostrano chiaramente“, afferma il presidente del Codacons, Carlo Rienzi, denunciando che “la responsabilità del preoccupante incremento del numero di pedoni investiti e uccisi è da ricercarsi soprattutto nella scarsità dei controlli sulle strade, e nel numero esiguo di multe elevate rispetto a gravi violazioni che oramai sono diventate la regola“. A fronte di questa situazione “a tutela della categoria dei pedoni“, spiega Rienzi, il Codacons ha deciso di presentare un esposto alle procure della Repubblica territorialmente competenti per le morti di ieri, ovvero Roma, Napoli, Salerno e Lanciano. Nell`esposto il Codacons chiede di accertare anche il comportamento dei prefetti e della polizia municipale dei quattro comuni. “Vogliamo sapere – spiega Rienzi – quanti e quali controlli siano stati disposti ed eseguiti nel corso dell`ultimo anno lungo le strade delle quattro città, e quante sanzioni siano state elevate per la violazione dell`articolo 191 del codice della Strada, che disciplina severamente il `comportamento dei conducenti nei confronti dei pedoni“`. “Questo perché – conclude il presidente del Codacons – la mancanza di sanzioni e di seri sistemi di repressione delle infrazioni, spinge gli automobilisti a infrangere con regolarità le disposizioni, a spese dell` anello più debole, ossia il pedone, che ci rimette con la propria vita“.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox