7 Marzo 2014

Incidente fra treni sullo stesso binario viaggiatori terrorizzati e feriti gravi

Incidente fra treni sullo stesso binario viaggiatori terrorizzati e feriti gravi

Luca Rocca Catanzaro Un pomeriggio di terrore ieri in Calabria. Due treni che viaggiavano su un binario unico fra Cosenza e Catanzaro, si sono scontrati frontalmente, poco dopo le 14, causando il ferimento grave di due donne, una delle quali incinte. Ricoverate entrambe all’ ospedale del capoluogo calabrese in codice rosso, non sono fortunatamente in pericolo di vita. Condizioni non gravi per altre sette persone ferite, trasportate al nosocomio catanzarese in codice giallo, e altre decine di contusi. L’ impatto frai due convogli delle Ferrovie della Calabria (che non sono le Ferrovie dello Stato) è avvenuto nel Catanzarese, fra le stazioni di Gimigliano e Cicala, nei pressi del Santuario della Madonna di Porto. Illesi i due conducenti. Lo scontro fra i convogli, sui quali viaggiavano una sessantina di persone, quasi tutti studenti e lavoratori pendolari rimasti a lungo sotto choc, è stato molto violento. Le due littorine, una composta dal solo vagone-motrice, l’ altra con un vagone rimorchio, stavano percorrendo la stessa linea, dove di norma si viaggia in modo alternato, essendoci un unico binario. Qualcosa è andato storto. Per capire la dinamica occorrerà probabilmente verificare il funzionamento del semaforo della galleria di Madonna di Porto. Il treno che viaggiava in direzione Catanzaro, infatti, si è rimesso in movimento mentre il binario era occupato dalla motrice proveniente dalla direzione opposta. Evitare l’ impatto era a quel punto impossibile. Bisognerà ora capire se si è trattato di un errore umano o no. Subito dopo lo scontro sono accorsi i vigili del fuoco, i medici del 118, i volontari della protezione civile,le forze dell’ ordine e anche i vertici delle Ferrovie.Sul luogo dell’ incidente,a coordinare i soccorsi, anche il sindaco di Gimigliano, Massimo Chiarella. Secondo il 118 di Catanzaro, nonostante la pioggia battente abbia reso difficoltosi i primi soccorsi, la situazione sarebbe stata sempre «sotto controllo». Tra i feriti lievi, smistati fra gli ospedali di Catanzaro e Soveria Mannelli, anche 16 calciatori della squadra giovanile della Garibaldina del piccolo centro silano, di ritorno da Catanzaro dopo una partita. Drammatiche le parole del padre di uno dei ragazzi rimasti feriti, che giunto sul posto ha affermato: «Sono arrivato qui quasi subito e ho visto alcune persone che procedevano a piedi sotto choc lungo la strada ferrata. È stata una sensazione terribile. Sono stati attimi da incubo, terribili e indimenticabili». Il Codacons:«Gli incidenti ferroviari in Italia,seppur in diminuzione, sono ancora troppi – spiega il presidente Carlo Rienzi – , i dati ci dicono che il numero di morti e feriti registrati a seguito di incidenti ferroviari è superiore rispetto al resto d’ Europa e questo significa che c’ è ancora molto da fare per la sicurezza. Ma il dato più grave è quello che vede il 35% degli incidenti riconducibili alla scarsa o cattiva manutenzione». Controbattono le Fs, secondo cui in base ai dati Ansf gli «incidenti sono in diminuzione e sono al di sotto della media Europea».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox