fbpx
12 Novembre 2015

Inchiesta sull’ olio, il Codacons si attiva per i risarcimenti

Inchiesta sull’ olio, il Codacons si attiva per i risarcimenti

SPOLETO – La vicenda giudiziaria è appena agli inizi e la questione dei presunti oli extravergine d’ oliva, che vede al centro anche l’ azienda Pietro Coricelli spa, è ancora tutta da chiarire. Il Coda cons dell’ Umbria, però, già si prepara a costituirsi contro l’ oleificio (e gli altri interessati dall’ inchiesta aperta dalla Procura di Torino) nell’ eventuale processo penale che ne scaturirà. Per questo l’ associazione dei consumatori ha deciso di pubblicare sul proprio sito internet, www.codacons.it, un modulo attraverso il quale le famiglie che hanno consumato olio extravergine prodotto dalla Coricelli e da una delle 7 aziende coinvolte nell’ indagine, possono avviare l’ iter per chiedere il risarcimento del danno subito e costituirsi parte offesa nel procedimento aperto dalla Procura. «Invitiamo tutte le famiglie che hanno consumato olio extravergine d’ oliva di una delle marche colpite dall’ inchiesta, a far valere i propri diritti e chiedere un indennizzo fino a 5.000 euro» afferma il presidente Carlo Rienzi. «Se gli illeciti saranno confermati, – aggiunge – infatti, il danno per i consumatori sarebbe enorme: a quello morale derivante dall’ inganno subito e dalla lesione della buona fede, si aggiungerebbe un eviden te danno economico, derivante dall’ aver pagato di più per un prodotto con caratteristiche inferiori a quelle promesse». L’ inchiesta, però, potrebbe concludersi in una bolla di sapone, come auspica la stessa Coricelli, che ribadisce la correttezza del suo operato. Le indagini, infatti, si fonderebbero su delle prove di as saggio del prodotto, «accertamenti discutibili» secondo l’ oleificio spoletino. Anche perché il lotto contestato, prima di essere messo in vendita, «è stato oggetto di accurate analisi, sia da parte dell’ azienda, che da parte di laboratori esterni accreditati, che ne hanno confermato la conformità qualitativa». Per questo, oltre ad essere pronta a chiarire la sua posizione davanti agli inquirenti, l’ azienda spoletina rassicura i suoi consumatori «che i prodotti da essa posti in commercio in passato, ora, e come sempre sarà in futuro rispettano tutti i più elevati standard di qualità in ossequio alle più stringenti normative in vigore».
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox