7 Settembre 2009

INCHIESTA ROCCARASO: CODACONS CHIEDE 10 MLN DANNI AMBIENTE

           
            (ANSA) – ROCCARASO (L’AQUILA), 7 SET – Dieci milioni di euro
come risarcimento dei danni provocati all’ambiente dalla
realizzazione della palazzina Edilmonte a Roccaraso: è la
richiesta del Codacons a tutti i personaggi che contribuirono a
far sì che l’edificio fosse costruito. Proprio da un’inchiesta
su presunte tangenti legate ai lavori per questo complesso
residenziale ebbe origine la vicenda giudiziaria del sindaco di
Roccaraso Camillo Valentini, morto suicida in carcere nel 2004.
   Secondo l’accusa, allora, il sindaco Valentini aveva chiesto
una serie di interventi al costruttore per concedere la
sanatoria per la realizzazione dell’edificio.
   "Chiameremo in causa anche i nuovi amministratori – ha detto
il presidente del Codacons, Carlo Rienzi, nel corso di una
conferenza stampa a Roccaraso – se continueranno a tentare di
sanare le irregolarità di questo palazzo. La somma che
chiediamo dovrà essere rimborsata allo Stato sulla base di una
legge vigente, visto che una consulenza tecnica ha accertato il
danno enorme provocato all’ambiente dal taglio della montagna
vicino alla costruzione".
   Il Codacons ha chiamato al risarcimento dei danni l’ex
sindaco che diede la licenza alla costruzione, Mario Liberatore
– condannato dalla Cassazione per abuso d’ufficio -, nonché un
ex proprietario dell’edificio e la società, attualmente
proprietaria, che ha venduto l’immobile ricavandone un profitto.
   "Abbiamo messo a disposizione uno staff enorme di avvocati
perché questa storia, che va avanti da trent’anni, sia portata
definitivamente a compimento. Roccaraso deve avere giustizia"
ha concluso Rienzi. (ANSA).
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this