fbpx
25 Luglio 2009

INCENDI: DECINE DI ROGHI IN SICILIA, MOLTI SAREBBERO DOLOSI

 
 
CODACONS, RONDE CONTRO PIROMANI; BORSELLINO, SERVE PREVENZIONE

          
            (ANSA) – PALERMO, 25 LUG – E’ stata una giornata drammatica,
in Sicilia, sul fronte degli incendi. Decine i roghi, spesso
dolosi, divampati in tutta l’isola e alimentati dal caldo
torrido: tra le province più colpite, anche quest’anno, c’é il
Messinese, dove le fiamme hanno lambito alcuni centri abitati.
Al lavoro, da questa mattina, Vigili del Fuoco e uomini della
Forestale e della Protezione Civile che hanno utilizzato anche
mezzi aerei. E per contrastare i piromani, il Codacons,
associazione dei consumatori, propone l’istituzione di ronde di
cittadini incaricate di vigilare sul patrimonio boschivo del
Paese.
   Diversi gli interventi anche nel Palermitano, dove sono
andati in fumo ettari di vegetazione sul monte Pecoraro, a
Carini, a Baida, vicino Monreale. A Bagheria le fiamme hanno
minacciato i ripetitori delle televisioni. Vasto il rogo
scoppiato, in serata, tra Castellana Sicula e Resuttano, ai
confini con la provincia di Caltanissetta. Il fuoco si è spinto
fino al centro abitato di Borgo Tudia.
   Ma la situazione più critica è quella del Messinese:
elicotteri regionali e canadair della Protezione civile sono
entrati in azione a Forza d’Agrò, dove le fiamme sono arrivate
al centro abitato, e a Gioiosa Marea.
   Nel pomeriggio, il fronte del fuoco si è spostato a
Sant’Alessio. Grave anche la situazione a Giardini Naxos, vicino
Taormina: le fiamme si sono avvicinate all’ospedale. Roghi anche
nell’area tirrenica: a Santo Stefano di Camastra e Milazzo.
Nessuna abitazione è stata evacuata, anche se molte persone
hanno lasciato le case in via precauzionale.
  Sempre nel pomeriggio un incendio è divampato nel Ragusano, a
Monterosso Almo e diversi ettari di macchia mediterranea sono
andati a fuoco, a Sciacca, in località Sovareto, nei pressi del
complesso alberghiero di Sciaccamare. Per domare le fiamme è
stato necessario l’intervento di un elicottero della forestale.
Per gli investigatori il rogo sarebbe di origine dolosa. I
vigili del fuoco sono intervenuti, poi, tra Villafranca Sicula e
Burgio.
  E per contrastare l’azione dei piromani il Codacons ha
proposto l’istituzione di ronde di cittadini e una taglia di
2000 euro per ogni incediario fotografato o identificato.
A chiedere un’azione di prevenzione è invece l’eurodeputato del
Pd Rita Borsellino. "Quello che succedendo in Sicilia e in
Sardegna – ha commentato – è una tragedia enorme, le cui
responsabilità vanno ricercate soprattutto presso quegli enti
che sono preposti al controllo del territorio e che dovrebbero
prevenire gli incendi".(ANSA).

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox