3 Marzo 2020

«Inammissibile» No del Tar al ricorso di Maggio e Toscano

Orazio Provini I giudici della prima sezione del Tar (presidente Pancrazio Maria Pia Savasta, consigliere Giuseppe La Greca, Giuseppina Alessandra Sidoti, primo referendario, estensore) hanno dichiarato inammissibile il ricorso presentato dai docenti Lucio Maggio e Attilio Toscano, nella parte relativa alla sospensione di tutti gli atti impugnati e riguardanti gli atti relativi alla procedura di elezione del rettore, posti in essere dal decano professore Vincenzo Di Cataldo, difeso dall’ avv. Emilio Castorina, dalla convocazione del Senato accademico in poi. La sentenza, pronunciata nella Camera di consiglio del 16 gennaio, è stata pubblicata ieri. Ad affiancare i ricorrenti fu il Codacons Italia, mentre in rappresentanza dei quarantamila studenti dell’ ateneo e delle loro famiglie, si schierarono al fianco dell’ Ente 136 fra docenti e ricercatori. Trentuno le pagine del dispositivo che, oltre a riassumere i motivi del ricorso, spiegano nelle varie articolazioni, punto per punto, le argomentazioni che hanno portato all’ inammissibilità. Tra i punti trattati, i giudici amministrativi della sezione di Catania hanno spiegato come la posizione del decano fosse regolare in tutte le sue funzioni e non presentasse alcun tipo di incompatibilità e/o violazione rispettando i regolamenti e le norme che portarono all’ elezione del nuovo rettore.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox