18 Giugno 2019

In povertà 1,8 milioni di famiglie, +74% negli ultimi 10 anni. 1 su 10 non mangia a sufficienza

 

In Italia ci sono oltre 1,8 milioni di famiglie che vivono in condizioni di povertà assoluta, per un numero complessivo di 5 milioni di individui, vale a dire l’8,4% della popolazione. Numeri che dimostrano come la povertà rimanga sui livelli massimi dal 2005, senza dare segnali di ritirata. Lo rileva l’ultimo rapporto dell’Istat, diffuso oggi con dati riferiti al 2018.

Guardando da vicino i dati si evidenzia che le famiglie in povertà assoluta sono 1 milione e 822mila, il 2,47% in più rispetto al precedente primato del 2017, pari a 1 milioni e 778 mila. “Mai dall’inizio delle serie storiche si era arrivati ad un valore così negativo – ha sottolineato l’Unione Nazionale Consumatori – Anche in termini percentuali si arriva al record del 7%, l’1,44% in più rispetto al 6,9% del 2017, che era già il peggior risultato di sempre”.

Desta forte allarme, inoltre, il quadro relativo al Mezzogiorno, dove la percentuale delle famiglie che si trovano in povertà assoluta sale al 10%, contro il 5,8% del Nord e il 5,3% del Centro. Questo andamento fa crescere in maniera insopportabile le già forti disuguaglianze presenti nel Paese, aprendo spaccature che sarà sempre più difficile rimarginare. “Le misure palliative adottate finora dal Governo non sono affatto sufficienti, c’è bisogno di investimenti per la crescita e lo sviluppo, di misure improntate al rilancio, per aprire un nuovo spiraglio di ripresa e risollevare, così, le condizioni delle famiglie”, ha commentato Federconsumatori.

1 italiano su 10 non può mangiare a sufficienza
La punta dell’iceberg della situazione di disagio in cui si trovano molte famiglie emerge dal fatto che più di 1 italiano su 10 nel 2018 non ha risorse adeguate per garantirsi una corretta alimentazione. L’11% della popolazione italiana non può permettersi un pasto adeguato almeno ogni due giorni. La situazione in Italia, ha sottolineato la Coldiretti, è tra le peggiori dell’Unione Europea dove la percentuale media scende all’8% mentre stanno peggio solo Grecia, Lettonia, Ungheria, Romania e Bulgaria.

1 famiglia su 5 fatica a pagare le spese mediche
Significativo anche il dato che arriva da una analisi di Uecoop, l’Unione europea delle cooperative, in cui emerge che 1 famiglia su 5 in Italia ha difficoltà a pagare cure e assistenza sanitaria con le spese mediche mensili cresciute di quasi il 28% negli ultimi dieci anni.

In 10 anni il numero di poveri è salito del 74%
Preoccupante il confronto con il 2008, quando in Italia si registravano 1,126 milioni di famiglie in condizione di povertà assoluta (il 4,6% delle famiglie residenti) per un totale di 2 milioni e 893 mila individui. In 10 anni il numero di individui poveri in Italia è aumentato del +74%, ha denunciato il Codacons. “In 10 anni la situazione economica delle famiglie è precipitata, specie nel Sud Italia – afferma il presidente di Codacons, Carlo Rienzi – Dati vergognosi per un paese civile che dimostrano in modo inequivocabile come la politica e i governi che si sono succeduti nel tempo non abbiano saputo combattere la piaga della povertà e dell’indigenza, peggiorando le condizioni di vita di milioni di italiani”.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox