22 Febbraio 2013

In coda alle poste, ai Caf e ai patronati sindacali delusione e rabbia per la beffa del rimborso Imu

In coda alle poste, ai Caf e ai patronati sindacali delusione e rabbia per la beffa del rimborso Imu

 

C’ È chi si è presentato alle poste, chi al Caf, chi nelle sede dei sindacati dei pensionati, chi addirittura è entrato in banca. “Sulla lettera c’ è scritto che il rimborso arriva sul conto corrente o in contanti agli sportelli” spiegano agitando in mano un foglio bianco con il logo del Popolo della Libertà e la firma di Silvio Berlusconi. Gli impiegati e i volontari quasi non riescono a crederci, aggrottano le ciglia, leggono la missiva e allora capiscono. Sono decine le persone, soprattutto anziani e pensionati, che anche a Roma si sono illusi di poter ottenere il rimborso dell’ Imu, ingannati dalle missiva elettorale del leader del Pdl. Qualcuno si è messo in fila, soprattutto in periferia: alle poste del Tufello, a quelle di Tor Bella Monaca, a Spinaceto, nel quartiere Salario, al Prenestino. Mentre i Caf dei sindacai sono stati presi d’ assalto. Carlo Sebastiani, volontario nella sede dello Spi Cgil di via Bordoni, a Tor Pignattara, racconta: “Solo questa mattina (ieri, ndr), sono venuti in tre. ‘Che dobbiamo fare?’ mi hanno chiesto con la lettera in mano. Gli ho risposto di aver pazienza, che non c’ è nulla da fare perché si tratta solo di uno spot elettorale ». Stessa, triste, storia al Caf della Uil in via Tina Pica: «Sono venuti in 4 – racconta il responsabile Romano Lepone – Si aspettavano che gli ridessimo i soldi o che attivassimo le procedure per il rimborso. Ho dovuto rimandarli a casa. Al bar accanto al Caf mi hanno raccontato che alcuni anziani sono andati a protestare addirittura alla posta di zona. Un’ inutile perdita di tempo». Anche al Caf Cgil in via Irpinia c’ è stata una sparuta processione: “Noi li mandiamo direttamente ad Arcore” scherza il volontario dello Spi. Alla Cisl hanno fatto un piccolo censimento e sono almeno una decina gli anziani che si sono presentati ai centri di assistenza fiscale di tutta Roma. «Non un’ emergenza – dicono – ma certo è spiacevole». Per telefono o via mail in molti si sono rivolti anche alle associazioni dei consumatori, una su tutte il Codacons.

viola giannoli

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox