12 Agosto 2021

In arrivo lo stop a monopattino selvaggio. Troppi incidenti: il casco sarà obbligatorio

 

Prato, 12 agosto 2021 – «Nella seduta di giunta del 30 agosto presenterò una proposta di legge regionale per introdurre l’obbligo del casco per chi usa i monopattini elettrici: non solo i minorenni, ma anche tutti i maggiorenni”. E’ l’annuncio del presidente Eugenio Giani, che esprime la volontà di andare nella direzione di una stretta verso l’utilizzo dei monopattini elettrici. La proposta di legge, che poi dovrà essere approvata dal consiglio regionale, arriva all’indomani dell’incidente mortale in viale don Minzoni a Firenze, dove un ragazzo di 27 anni ha perso la vita mentre viaggiava in monopattino elettrico, a seguito di un terribile impatto con uno scooter. “La legge regionale è ormai imprescindibile – spiega Giani – di fronte all’uso e all’abuso di monopattini che sfrecciano a velocità incompatibili in zone pedonali. O ancor più con monopattini che si avventurano in assi stradali che li portano a contatto con mezzi di ben altra velocità e solidità”.
Ma se Giani annuncia una stretta in tutta la Toscana, qual è la situazione a Prato sul fronte monopattini elettrici? I dati in possesso della polizia municipale parlano di 21 incidenti, dal 1° gennaio a ieri, in cui sono stati coinvolti questi mezzi. La media è di tre incidenti al mese, ma c’è un netto incremento nel periodo estivo (momento dell’anno in cui c’è il boom di uso di monopattini). A giugno sette incidenti che hanno coinvolto monopattini, a luglio cinque e nei primi dieci giorni d’agosto siamo già a quota due scontri.

“L’incidentalità è preoccupante – spiegano dal comando di piazza Macelli – ed è aumentata in estate. La quasi totalità degli incidenti (18, ndr) ha riguardato i monopattini privati, tre quelli in sharing rimasti coinvolti”.
L’annunciata stretta di Giani potrebbe anticipare di poche settimane la proposta di legge all’esame della commissione Trasporti della Camera. Le soluzioni in discussione in Parlamento riguardano la riduzione a 30km/h della velocità dei monopattini sulle strade urbane, 20km/h sulle piste ciclabili e 6km/h nelle zone pedonali. Poi c’è l’introduzione dell’uso obbligatorio del casco, e l’aumento a 18 anni dell’età minima per potere guidare il monopattino. Di fatto, si va verso un divieto d’uso per i minorenni di questo mezzo elettrico. Se la legge venisse approvata, inoltre, i monopattini non potrebbero più transitare sui marciapiedi, inserendo l’obbligo di portarli a mano, e verrebbe istituito il divieto di utilizzo dopo il tramonto (oggi invece si può circolare indossando il giubbotto catarifrangente). Le associazioni delle aziende che effettuano il servizio in sharing dei monopattini stanno trattando col governo per scongiurare l’introduzione dell’obbligo del casco, ma dall’altra parte le associazioni dei consumatori, come il Codacons, chiedono una stretta: “Da mesi parliamo dei gravissimi rischi che si corrono su questo mezzo di trasporto e di come le regole sinora adottate siano estremamente permissive rischiando di fare correre pericoli a tutti coloro che utilizzano il monopattino elettrico – accusa Marco Donzelli del Codacons –. L’obbligo di indossare il casco è fondamentale per evitare gravi lesioni in caso di caduta”.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox