28 Luglio 2021

Imprese e consumatori, la fiducia sale a livelli record

La fiducia delle imprese a luglio sale a livelli record, ai massimi di sempre. Avanza anche quella dei consumatori, al top da settembre del 2018. Lo rende noto l’Istat.
I dati Istat

A luglio 2021 – spiega l’Istat – si stima un aumento sia dell’indice del clima di fiducia dei consumatori (da 115,1 a 116,6) sia dell’indice composito del clima di fiducia delle imprese (da 112,8 a 116,3).
Tutte le componenti dell’indice di fiducia dei consumatori sono in crescita a eccezione di quella futura: il clima economico passa da 126,9 a 129,6, quello personale sale da 111,1 a 112,2, quello corrente aumenta da 108,1 a 111,9; invece il clima futuro scende da 125,5 a 123,5.
I settori

Con riferimento ai diversi settori, nell’industria manifatturiera migliorano i giudizi sugli ordini e le scorte sono giudicate in diminuzione; le attese sulla produzione sono in lieve calo. Per quanto attiene alle costruzioni, tutte le componenti dell’indice sono in miglioramento. In relazione ai servizi di mercato, i giudizi sugli ordini e quelli sull’andamento degli affari segnalano un netto recupero; le attese sugli ordini sono in lieve diminuzione. Nel commercio al dettaglio, i giudizi e le attese sulle vendite sono in miglioramento; il saldo dei giudizi sulle scorte diminuisce. La fiducia è in aumento in entrambi i circuiti distributivi analizzati: nella distribuzione tradizionale l’indice passa da 101,7 a 104,6 e nella grande distribuzione sale da 109,0 a 112,8.
Consumatori

Con riferimento ai consumatori, Per il Codacons la forte crescita della fiducia di consumatori e imprese è «una ottima notizia», perchè l’indice a luglio ha addirittura superato i livelli del periodo pre-Covid registrando i valori più alti da settembre 2018, e rappresenta quindi un”‘tesoretto” in grado di sostenere la ripresa dell’economia italiana e accelerare la ripartenza del paese. «Il ritorno dell’Italia verso la normalità, i vaccini e la fine delle limitazioni legate al Covid hanno avuto un ruolo fondamentale sul recupero della fiducia sia dei consumatori che delle imprese», afferma il Codacons. Secondo Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, si tratta di «un’ottima notizia! Si conferma il recupero della fiducia pre-crisi ottenuto per la prima volta il mese scorso. Rispetto a febbraio 2020, ultimo mese pre-lockdown, la fiducia è superiore di ben 5,8 punti, mentre rispetto a gennaio 2020, ultimo mese pre-pandemia, è maggiore di 4,6 punti. E’ l’effetto serenità, l’idea di poter tornare a una vita normale, con ferie, negozi e ristoranti aperti, niente più coprifuoco».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox