14 Aprile 2021

Impianto fotovoltaico Codacons chiede al Comune la pubblicazione degli atti

 

Il Codacons ha ufficialmente chiesto la pubblicazione degli atti relativi alla procedura di Valutazione di impatto ambientale (Via), in merito all’approvazione di un progetto della società Martello srl, relativo all’installazione di un impianto fotovoltaico a terra che interessa i Comuni di Viterbo, Vitorchiano e Bomarzo, in località “Marcolino”. La Regione Lazio ha provveduto infatti a convocare una conferenza dei servizi che si è svolta il 26 febbraio scorso, ai fini dello studio dell’impatto ambientale tramite la procedura di Via. La località Marcolino, individuata come area interessata dal progetto, è adiacente la Riserva naturale di Monte Casoli e si estende su 285 ettari di territorio nel Comune di Bomarzo. Numerose sono le testimonianze archeologiche, in particolare di epoca etrusca, rilevate dal Ministero per i Beni , attività culturali e per il turismo. La diffusione delle informazioni sull’ambiente sono di pubblico interesse e il modo migliore di trattare le questioni ambientali è quello di assicurare la partecipazione di tutti i cittadini, come anche di garantire l’accesso alla documentazione pertinente. È importante inoltre ricordare che l’area interessata, base al Regolamento edilizio locale, è un’area del territorio comunale destinata all’attività agricola, zootecnica e silvo- ed è vietata ogni attività di trasformazione del suolo per fini diversi da produzione vegetale, allevamento animale e attività connesse. Il Mibact, nell’ambito di un progetto analogo della stessa società Martello, questa volta nel Comune di Tuscania, aveva espresso parere contrario per la presenza di reperti archeologici. Inoltre, sui terreni agricoli, quali sono destinatari di fondi europei (e quindi vincolati alla destinazione d’uso eventuali cessioni da parte degli imprenditori agricoli a favore della suddetta società, sarebbero illegittimi e comunque contra legem. Ecco perché Codacons ha chiesto la pubblicazione ei documenti relativi alla Valutazione d’impatto ambientale per la costruzione dell’impianto tra questi sono inclusi gli atti di eventuali cessioni dei proprietari dei terreni interessati e beneficiari di fondi europei a sostegno dell’agricoltura sono inclusi anche i documenti del procedimento di Via, con i verbali e i pareri emessi dalle Amministrazioni coinvolte nel procedimento. Il Comune di Bomarzo, questo punto, ha trenta giorni di tempo per pubblicare la documentazione richiesta dall’associazione dei consumatori.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox