16 Aprile 2019

Impegno e mediazione per il latte a Cualbu il premio “Cibo Amico”

SASSARI Sarà premiato perché con il suo continuo impegno ha tutelato le eccellenze agroalimentari e gastronomiche del territorio. Non solo: a renderlo meritevole del premio è stato anche l’ impegno nella gestione dell’ emergenza latte, scoppiata quando il prezzo è crollato sotto i minimi storici e i pastori hanno deciso di bloccare le strade pur di farsi sentire da tutto il Paese. Lui è Battista Cualbu, presidente regionale di Coldiretti, il cui nominativo è stato inserito nell’ elenco di persone che riceveranno il riconoscimento domani a Roma. Ad assegnare il premio sono Coldiretti e Codacons mentre il riconoscimento che verrà consegnato è stato denominato “Cibo amico”. Cualbu, in qualità di presidente del Consorzio agnello sardo, è stato selezionato per il premio assegnato dalle due organizzazioni a quelle realtà che hanno saputo tutelare le eccellenze enogastronomiche locali e difendere il territorio e le tradizioni regionali. Un premio che riconosce anche l’ impegno di Cualbu sulla questione del prezzo del latte – sottolineano i promotori del premio – pagato dalle industrie ai pastori della Sardegna, attività che lo ha visto in prima linea e che ha portato all’ accordo con il Governo. Cualbu, infatti, ha partecipato alla vertenza in prima linea, come presidente regionale di Coldiretti Sardegna ma anche come allevatore. Durante i giorni caldi della protesta, poi, ha spesso fatto da mediatore tra le esigenze che rimbalzavano dalle campagne e l’ impegno della politica, partecipando ai tavoli aperti a Roma dal ministro dell’ agricoltura Gianmarco Centinaio e del ministro degli Interni, Matteo Salvini. La partecipazione di Coldiretti Sardegna alla vertenza del latte è continuata anche davanti al prefetto di Sassari,l quando è stato raggiunto l’ accordo tra gli industriali e gli allevatori.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox