22 Maggio 2018

ILVA, CODACONS: NO A CHIUSURA PROGRAMMATA IMPIANTO

    DA CONTRATTO DI GOVERNO GRAVE ERRORE E RIPERCUSSIONI PER OCCUPAZIONE. ILVA VA BONIFICATA E CONVERTITA DA CARBONE A GAS

    LEGA E M5S BLOCCHINO VENDITA E UTILIZZINO FONDI F-35 PER RENDERE SICURA L’ACCIAIERIA

    No alla “chiusura programmata” dell’Ilva come previsto dal contratto di Governo, si ad una riconversione dell’impianto, trasformandolo da carbone a gas, previa la necessaria bonifica del sito. A chiederlo il Codacons, commentando quanto previsto da Lega e M5s per l’azienda pugliese.
    Chiudere l’Ilva sarebbe un grave errore, sia perché l’azienda rappresenta una delle poche industrie italiane importanti nel mondo, sia perché ci sarebbero enormi ricadute occupazionali – spiega il Codacons – L’azienda può essere invece salvata impedendo la vendita agli indiani di Arcelor-Mittal, bonificando gli impianti e trasformando il sito industriale da carbone a gas, per renderlo compatibile con l’ambiente e la salute degli abitanti di Taranto. Uno sforzo economico che può essere affrontato sospendendo l’inutile programma di acquisto di aerei F-35 e destinando le relative risorse all’Ilva.
    Si attende intanto la decisione del Consiglio di Stato sul ricorso straordinario promosso dal Codacons contro il piano ambientale Ilva.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox