15 Febbraio 2017

ILVA: BENE PER CODACONS IL “NO” AL PATTEGGIAMENTO

    ILVA: BENE PER CODACONS IL “NO” AL PATTEGGIAMENTO

    ANCHE NEL PROCESSO DI TARANTO SI CHIUDA LA PORTA A QUALSIASI POSSIBILITA’ DI ACCORDO IN FAVORE DEGLI IMPUTATI

    Bene per il Codacons il “no” del gip di Milano, Maria Vicidomini, alle richieste di patteggiamento avanzate da Adriano, Fabio e Nicola Riva, nell’ambito del procedimento con al centro il crac del gruppo.
    La sproporzione tra le pene concordate e la gravità dei reati che ha condotto il Gip milanese a respingere la richiesta di patteggiamento trova, secondo il Codacons, perfetta rispondenza anche nel processo in corso a Taranto per il presunto disastro ambientale causato dall’Ilva. Non è in alcun modo pensabile che si possa giungere a patteggiamenti o accordi con chi è accusato di gravissimi reati e di aver distrutto l’ambiente e portato migliaia di tarantini ad ammalarsi anche gravemente – spiega l’associazione, che nel processo a Taranto rappresenta numerosi residenti che hanno sviluppato malattie legate all’inquinamento dell’aria – Per tale motivo ci opporremo a qualsiasi ipotesi di patteggiamento e chiederemo alla Corte d’Assise di Taranto di rispedire al mittente proposte di accordi avanzate dagli imputati, così come ha fatto il Tribunale di Milano.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox