18 Luglio 2009

“Il viaggio dei sogni è diventato un incubo”

la disavventura di una marnatese a santo domingoLa prima notte in spiaggia, stanze non pagate, poi il sospirato ritorno: «Contatterò il Codacons»

 marnate (var) Doveva essere il viaggio dei sogni, in Messico, su una spiaggia dorata tra mare, cultura Maya e relax. Invece, le ferie tanto agognate dopo un anno di duro lavoro, si sono rivelate un vero e proprio incubo per Lorena C., marnatese di 42 anni che, come centinaia di italiani, si è affidata al Tour Operator Todomondo per prenotare le proprie vacanze estive. I primi segnali sono arrivati ancora prima della partenza: «Avevo prenotato il viaggio estremamente in anticipo, il 2 febbraio – racconta la donna – la partenza era fissata per il 7 luglio. Tre giorni prima, però, l’agenzia mi aveva contattato per comunicarmi che la mia meta era stata cambiata: sarei andata a Santo Domingo, a Bayahibe, l’8 luglio». Lorena ha accettato le condizioni: le spiagge dominicane sono pur sempre una meta allettante. subito disagi I disagi veri e propri sono arrivati, però, poco dopo l’atterraggio: «Sono arrivata all’aeroporto La Romana con un altro gruppo di turisti alle 2 di notte – prosegue Lorena – ci è venuta a prendere la corrispondente estera del tour operator dicendo che doveva parlarci. La sorpresa è arrivata una volta giunti in albergo, alle 4 di notte, quando abbiamo scoperto che le nostre camere non erano mai state pagate: dovevamo quindi versare un acconto per le stanze o fare la strisciata in bianco della carta di credito in attesa del rimborso. Ci siamo rifiutati e la notte l’abbiamo passata in spiaggia». Il giorno dopo, presi dalla stanchezza, i turisti hanno accettato di pagare la caparra: «Con me c’erano famiglie con bambini e anziani che hanno dato la loro carta di credito con giustificati timori». Lorena aveva pagato in anticipo l’intero viaggio, per un ?all inclusive? di 936 euro: «Mi ritengo fortunata perché l’albergo mi ha chiesto solo 100 euro di caparra e il viaggio di ritorno, che ho dovuto pagare a mie spese, è costato 350 euro. Ho saputo che a Santo Domingo c’erano 300 persone nella mia stessa condizione e altre 300 in Jamaica. Ho rifiutato la proposta di posticipare il volo di rientro in attesa di risposte dall’agenzia di viaggio e possibili rimborsi: la situazione era talmente incerta che il mio unico desiderio era quello di tornare a casa: non avevo più soldi e non riuscivo a comunicare con i miei parenti. Ogni giorno facevo la spola tra la spiaggia e la reception per avere notizie che non arrivavano mai». Lorena è atterrata giovedì sera alle 11 a Malpensa. Ieri mattina si è recata all’agenzia gallaratese e la risposta è stata la stessa che hanno dato agli altri: l’agenzia avrebbe acquistato di recente un altro tour operator che si è trovato all’improvviso in mezzo a questo pasticcio.  «Dicono che i rimborsi arriveranno presto, ma contatterò il Codacons per decidere come comportarmi in base anche alle decisioni degli altri», conclude.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox