4 Febbraio 2011

Il Tar sospende il caro-taxi. “Riparte il confronto”

Il Tar sospende il caro-taxi. «Riparte il confronto»
 

Stangata taxi: quando tutto sembrava filare liscio verso l’ entrata in vigore delle nuove tariffe -al punto che ieri mattina le auto bianche facevano la fila alle officine per aggiornare i tassametri -è arrivato lo stop del Tar. Il giudice monocratico Luigi Tosti ha sospeso tre atti: la delibera n. 58 votata in Campidoglio lo scorso luglio, il parere della «commissione di congruità» già bocciato dall’ Antitrust e la circolare dirigenziale (riportata mercoledì dal Corriere) con cui l’ assessorato guidato da Antonello Aurigemma lunedì scorso aveva invitato le officine ad «aggiornare immediatamente i tassametri» . Dunque: fermi tutti, i prezzi delle corse restano immutati almeno fino al 23 febbraio, quando il Tar si pronuncerà nel merito. Esulta Carlo Rienzi, il presidente del Codacons che ha presentato il ricorso con l’ Associazione utenti dei servizi pubblici, il Movimento difesa del cittadino e l’ Unione consumatori. «Per fortuna nel nostro Paese -ha esclamato -si possono impedire le prepotenze! Il criterio che legava i rincari tariffari alla maggiore concorrenza legata alle nuove licenze è indegno. Così come gli sconti alle donne e ai parenti dei malati che vanno al Bambino Gesù: per giustificare una simile stangata, si volevano penalizzare i maschi e i familiari di tutti gli altri ospedali. Ma via, un po’ di buon senso…» . Numerose le reazioni in Campidoglio. Ironico Francesco Storace, de La Destra: «Si ricomincia. Siamo disponibili a calendarizzare almeno venti sedute d’ aula sui taxi…» . Il capogruppo pd Umberto Marroni, invece, ha parlato di «una prima vittoria: ora è necessario riaprire subito un tavolo di confronto e ridiscutere tutta la materia» . La stessa proposta era stata avanzata due giorni fa dal capogruppo Udc Alessandro Onorato («Basta muro contro muro» ), e nel tardo pomeriggio di ieri, dopo una tenace mediazione nella maggioranza, è proprio all’ Udc che ha fatto riferimento l’ assessore Aurigemma: «Fermo restando il lavoro sinora svolto per dare trasparenza e migliorare il servizio taxi -ha annunciato -sono pronto ad incontrare chi volesse rappresentarmi idee utili al bene della città, e accolgo fin d’ ora la proposta dell’ Udc di aprire tavoli di confronto che coinvolgano tassisti, consumatori e forze di opposizione » . Il clima politico, insomma, sotto i colpi di Antritrust e Tar pare mutato. Il professor Fernando Aiuti (Pdl), da sempre contrario al caro taxi, è tranchant: «Spero che il Tar bocci tutto. Così ne riparleremo in consiglio comunale» . La convergenza per una modifica sostanziale del piano tariffario sub judice (che prevede aumenti medi del 28%), in modo da non scontentare troppo i clienti e «risarcire» la categoria con sgravi e incentivi, nelle ultime ore ha preso quota. Con il «placet» molto significativo del capogruppo pdl Luca Gramazio: «Condividiamo la posizione dell’ assessore -ha detto Gramazio -La disponibilità alla concertazione e la trasparenza sono i principali elementi dell’ azione amministrativa» . Il nuovo fronte registra, sul versante sindacale, l’ appoggio di Loreno Bittarelli, il leader del «3570» («Solo una intelligente mediazione consentirà di portare a casa in tempi brevi il risultato» ), e di Nicola Di Giacobbe, della Cgil («Subito un confronto serio e costruttivo su come incentivare e favorire l’ uso del taxi» ). Resta però l’ incognita dell’ altro fronte sindacale, quello capitanato dall’ Ugl di Pietro Marinelli, che di è fatto è stato «titolare» finora dei rapporti con il sindaco Alemanno. E la risposta non pare positiva: «Rimaniamo fiduciosi che il 23 febbraio il provvedimento verrà ritenuto legittimo -dice una nota Ugl -In caso contrario non sottoscriveremo "accordicchi"di sorta avanzeremo richieste decise e perentorie, a partire dall’ erogazione di un bonus mensile di 300 euro a ogni intestatario di licenza, per far fronte al caro carburanti» . I «falchi» dei tassisti insomma vanno all’ attacco. In una partita completamente riaperta. F. Pe. © RIPRODUZIONE RISERVATA.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox