12 Dicembre 2012

Il Tar rinvia decisione su voto Lazio slitta il ricorso per l’election day

 Il Tar rinvia decisione su voto Lazio slitta il ricorso per l’election day

UDIENZA SPOSTATA AL 18 DICEMBRE Il Tar rinvia decisione su voto Lazio slitta il ricorso per l’ election day Ancora in forse la possibile revoca del decreto che ha fissato le urne al 3 e 4 febbraio. Il Codacons: spiegheremo perchè si possono risparmiare 30 milioni di euro Un’ urna per le regionali ROMA – Ancora incertezza sulle date del voto nel Lazio. Sebbene il prefetto Pecoraro abbia indetto le elezioni regionali per il 3 e 4 febbraio – in esecuzione di una sentenza del Tar su ricorsi del Movimento difesa del cittadino -, rimane la spada di Damocle di un altro ricorso. Slitta infatti a martedì 18 dicembre la decisione del Tar del Lazio in merito al ricorso con il quale il Codacons chiede la fissazione dell'”election day” per unire in un’ unica tornata le elezioni regionali nel Lazio e le politiche. Renata Polverini ASSOCIAZIONI IN TRIBUNALE – Mercoledì 12, davanti al presidente della II Sezione bis, Eduardo Pugliese, si è svolta un’ audizione delle parti interessati;. Erano presenti i legali del Codacons, Carlo Rienzi e Gino Giuliano, il legale del Movimento difesa del cittadino, Gianluigi Pellegrino – che per primo ha sollecitato una fissazione celere del voto regionale del Lazio – e il rappresentante dell’ avvocatura dello Stato (assenti invece i legali della Regione Lazio). Il Tar dovrà pronunciarsi in merito al ricorso del Codacons, con il quale l’ associazione ha chiesto allo stesso Tribunale di revocare il decreto con cui il prefetto individuava nel 3 e 4 febbraio le date utili per le elezioni regionali del Lazio. Il prefetto Giuseppe Pecoraro (Imago) RIENZI: “SODDISFATTI” – Secondo il Codacons, votare il 3 e 4 febbraio significherebbe sprecare 30 milioni di euro: soldi che potrebbero essere risparmiati con l’ election day. Nel corso dell’ audizione del 18 “spiegheremo al Tar come quei 30 milioni possano essere meglio utilizzati – sottolinea l’ associzaione – per salvare ospedali della regione vicini alla chiusura o imprese laziali che rischiano di fallire lasciando a casa centinaia di lavoratori”. “La legge – spiega Rienzi – consente al Tribunale in composizione monocratica di bloccare o sospendere gli effetti di un provvedimento, ma non di imporre misure che, di fatto, renderebbero inutili le decisioni dell’ organo collegiale. La decisione del giudice Eduardo Pugliese appare pertanto corretta e soddisfa pienamente la nostra richiesta”.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox