19 Maggio 2011

Il Tar non ferma Lactalis

MILANO – Il Tar del Lazio respinge la richiesta del Codacons di sospendere l’ Opa di Lactalis su Parmalat e fissa all’ 8 giugno la camera di consiglio per decidere nel merito se le informazioni alla base dell’ operazione sono esaurienti per le parti in causa o se violano, come sostenuto dal Codacons, la normativa vigente. La decisione è stata adottata dal consigliere delegato della I sezione del Tribunale, Roberto Politi, che ha di fatto bocciato l’ istanza presentata dall’ associazione dei consumatori presieduta da Carlo Rienzi. Il tutto mentre la Procura di Milano prosegue le indagini sull’ inchiesta aperta sulla vendita delle quote dei fondi esteri a Lactalis e il mercato resta in attesa di conoscere le motivazioni che hanno spinto il Cda di Parmalat a bocciare l’ Opa francese da 2,6 euro, definendola non adeguata per la presa del controllo. Una comunicazione in merito è attesa entro oggi, in tempo utile quindi per l’ inizio dell’ offerta di Lactalis da massimi 3,4 miliardi che decollerà lunedì per poi chiudersi l’ 8 luglio. Un’ Opa contro cui nulla può la conversione in legge, avvenuta ieri in Senato, del decreto cosiddetto «Anti-scalate» emanato proprio in relazione alla vicenda Lactalis-Parmalat. Il testo, che contiene «misure urgenti per garantire l’ ordinato svolgimento delle assemblee societarie annuali», è stato approvato con 134 sì, 12 no e 116 astenuti. Hanno votato a favore i partiti della maggioranza, contro l’ Idv mentre si sono astenuti Pd, Udc-Svp-Autonomie. Il presidente della Consob, Giuseppe Vegas, che la settimana scorsa aveva dato il via libera all’ operazione, ha spiegato che per studiare il prospetto la Commissione non è stata affatto formale ma è andata a fondo, controllando «la sostanza». «Abbiamo chiesto con quali soldi viene fatta l’ Opa e da dove vengono, cosa farà Lactalis del tesoretto che Parmalat ha in pancia, cosa intende fare degli impianti. Tutte cose non previste nel prospetto originario».
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this