28 Marzo 2001

IL TAR CONDANNA LE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE

    CONFERMATA LA SUPERMULTA INFLITTA DALL?ANTITRUST! IL TAR CONDANNA LE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE: ERA CARTELLO CONTRO LA CONCORRENZA E CONTRO I CONSUMATORI

    IL CODACONS DICE: DEVONO PAGARE SUBITO ED ESSERE PROCESSATI PER TRUFFA
    IL GOVERNO BLOCCHI LE TARIFFE PER UN ALTRO ANNO: NESSUN AUMENTO A CHI HA VIOLATO LA LEGGE!

    Pochi minuti fa è stato pubblicato il dispositivo della sentenza del TAR del Lazio che ha confermato la supermulta alle compagnie di assicurazione. Queste ultime,secondo il Codacons, devono pagare subito la multa ed essere processate per truffa. Il Codacons auspica inoltre ad una proroga del blocco delle tariffe per un altro anno.

    Come si ricorderà, nel luglio scorso una pesantissima tegola da 700 miliardi è caduta sulla testa di 39 compagnie di assicurazione.
    Quest?ultime, secondo la tesi dell?Autorità Antitrust, avrebbero messo in atto un cartello a danno dei consumatori al fine di mantenere i prezzi delle polizze al di sopra di un dato livello e scambiarsi dati e informazioni, violando così in maniera palese le regole della concorrenza e del mercato. Tempestivo l?intervento del Codacons, il quale in un primo tempo presenta a 58 Procure della Repubblica una denuncia per truffa aggravata nei confronti delle compagnie di assicurazione, e poi invia un esposto contro chi avrebbe dovuto vigilare, ossia il Ministero dell?Industria e l?Isvap. A seguito delle denunce del CODACONS il sost. Proc. Della Repubblica Felicetta Marinelli ha avviato un?approfondita indagine per mezzo della Guardia di Finanza, dando così rilevanza penale al caso. Il CODACONS ha poi diffidato il Ministero dell?Idustria e l?Ania affinché le tariffe delle polizze auto fossero ridotte del 20%. Alla vigilia della scadenza del blocco delle polizze auto il CODACONS chiede a gran voce la proroga di tale blocco al fine di tutelare i consumatori da quelle compagnie di assicurazione che hanno deciso di disdettare tutte insieme le polizze, onde dare mazzate pesantissime agli utenti al momento della scadenza. L?associazione dei consumatori ricorda, inoltre, che nessuna delle 39 compagnie multate ha ancora versato una lira, e a tal proposito invitò le autorità competenti a mettere all?asta i beni delle imprese assicuratrici. Il Codacons ha seguito tutte le tappe della travagliata vicenda, per garantire una giusta tutela ai consumatori e per far si che gli interessi economici non prevalgano sui diritti degli utenti. A tal fine l?associazione è intervenuta a fianco dell? Antitrust nell?udienza al TAR tenutasi giovedì scorso concernente il ricorso presentato da ASSITALIA e ASSICURAZIONI GENERALI nei confronti della multa inflitta dall?Autorità ed invitando i consumatori, assieme all?ADUSBEF, a disdettare tutte le polizze, non solo le rc auto.
    Dichiara l?Avv. Rienzi, Presidente del Codacons:?Adesso i consumatori hanno qualche speranza che, nel caso in cui il blocco delle tariffe finisse,non si verificherebbe un altro aumento delle rc auto perché, se le tariffe dovessero aumentare per tutte le compagnie, il Codacons presenterà un nuovo esposto all?Antitrust con l?accusa di cartello?.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox