8 Novembre 2020

Il Tar blocca i ristoranti ma Porta Portese va avanti

LA DECISIONE Restano in vigore le limitazioni negli orari di apertura dei pubblici esercizi – bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie e altro – nonché la sospensione delle mostre e la chiusura al pubblico dei musei e di altri istituti e luoghi della cultura, così come previsto dall’ ultimo Dpcm emanato da Palazzo Chigi. Lo ha deciso il Tar del Lazio, che ha respinto le richieste di sospensiva presentate da una serie di esercizi commerciali (per quanto riguarda le norme sui servizi di ristorazione) e da Vittorio Sgarbi per le attività culturali. Con due decreti monocratici, i giudici amministrativi hanno stabilito che allo stato «non sussistono le condizioni per disporre l’ accoglimento della richiesta cautelare». Insomma, restano valide e attive tutte le restrizioni anti-contagio, decise del Governo per contrastare l’ emergenza Covid-19. Rigettata la richiesta di sospensiva, ora l’ esame del Tar passerà al merito della vicenda: per quanto riguarda il ricorso degli esercizi commerciali, l’ udienza, riconosciuti i motivi di urgenza, è stata fissata per mercoledì 18 novembre. Per il ricorso proposto da Sgarbi, invece, la camera di consiglio collegiale è prevista per il prossimo 2 dicembre. Contro le limitazioni per i pubblici esercizi e per l’ intero settore della ristorazione si sono schierate in primis le associazioni di categoria, puntando sui gravi danni economici e sul rischio di fallimenti a catena di queste attività, con relativo allarme per l’ occupazione. Sul fronte delle attività culturali, intanto, ci sarà un ulteriore ricorso al Consiglio di Stato, dove i ricorrenti saranno affiancati anche dal Codacons. BANCHI IN STRADA Al loro posto, questa mattina, ci saranno invece i banchi del mercato di Porta Portese. Secondo la circolare del ministero degli Interni, che chiarisce gli aspetti pratici dell’ ultimo Dpcm, nel fine settimana devono restare chiusi «esclusivamente i cosiddetti mercati coperti e non anche quelli all’ aperto», perché in questi ultimi «non insistono esercizi commerciali» in senso stretto. Gli operatori di Porta Portese hanno quindi annunciato che saranno regolarmente presenti ai propri posti abituali, fino a quando non ci saranno diverse disposizioni nazionali od ordinanze ad hoc del Campidoglio. Fa.Ro. © RIPRODUZIONE RISERVATA.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox