16 Febbraio 2019

Il Supercinema avrà un nuovo tetto

i proprietari hanno depositato il progetto di bonifica
l TRANI. Il nuovo tetto somiglierà vagamente a quello tuttora presente e composto di eternit, ma sarà semplicemente una lamiera grecata perché, nel frattempo, il manufatto contenente amianto sarà stato rimosso. È questo l’ impegno che la proprietà del Supercinema, in via delle Crociate, ha assunto con il Comune di Trani e, segnatamente il dirigente dell’ Ufficio tecnico, Francesco Gianferrini, che aveva emanato una prima ordinanza il 25 ottobre scorso (ed una proroga il 20 dicembre) per indurre i proprietari del bene alla messa in sicurezza del tetto. Infatti, non solo la copertura del cinematografo è soltanto costituita da un materiale altamente nocivo, potenzialmente in grado di rilasciare fibre cancerogene nell’ atmosfera e, dunque, particolarmente dannose per i residenti, ma presenta anche un sostegno in legno, a capriate, a sua volta compromesso ed a rischio di cedimento: un crollo determinerebbe conseguenze davvero molto gravi, ed è quello che si vuole evitare. Dunque, la proprietà dell’ edificio – sottoposto a vincolo dalla Soprintendenza dal 2012, quattro anni dopo la sua chiusura -, «ha depositato negli uffici competenti il progetto di bonifica della copertura in cemento amianto – si legge in una nota pro veniente da Palazzo di città -, tramite rimozione e smaltimento, nonché la posa in opera di una copertura provvisoria in lamiera grecata, recependo dunque i contenuti dei provvedimenti dirigenziali alla base delle due ordinanze emesse dal Comune». Contestualmente, la proprietà ha richiesto proprio alla Soprintendenza l’ autorizzazione ai lavori ed il sindaco, Amedeo Bottaro, già nella l’ altro ieri ha inviato una nota all’ organo periferico del ministero chiedendo di evadere la pratica con la massima urgenza. Il primo cittadino ha anche scritto al Servizio di prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro della Asl Bt, chiedendo analoga urgenza nell’ adempiere a quanto di rispettiva competenza. Si attende, a breve, la reazione del comitato dei residenti, che da anni sta portando avanti una battaglia civile, ed anche legale, in collaborazione con il Codacons, per porre fine ai rischi legati all’ esposizione dei cittadini all’ azione dell’ amianto. Nessuna nuova notizia, nel frattempo, con riferimento all’ imprenditore barese che ha in animo di risanare e riaprire il Supercinema. Proprio alla fine dello scorso anno la proprietà aveva intavolato trattative e firmato un compromesso con un operatore che rileverebbe la gestione del Supercinema per almeno dieci anni, non versando alcun canone per i primi quattro ma facendosi carico, in cambio, di un progetto di totale riqualificazione dell’ im mobile, che comprenda non soltanto la messa in sicurezza della copertura, ma anche l’ effettiva riapertura del bene. Se così fosse, il progetto porterebbe la firma della proprietà, ma l’ impegno di spesa potrebbe essere del futuro conduttore dell’ immobile.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox