26 Febbraio 2008

Il record di pochi giorni fa è già stato superato: verde a 1,413 euro

Il record di pochi giorni fa è già stato superato: verde a 1,413 euro
Benzina, un euro a settimana È una corsa infinita ai rincari

Consumatori alla carica contro i rincari dei carburanti. Protestano Adusbef e Federconsumatori, sottolineando che il prezzo della benzina ha raggiunto oggi un nuovo record: 1,413 euro al litro, con un rincaro, nell`arco di una settimana, di ben 1,2 centesimi.“A questo punto siamo veramente preoccupati“ dichiarano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, presidenti delle due associazioni, “vista la gravissima situazione è necessario uno stop immediato a qualsiasi ulteriore rincaro“.Lo stop deve essere con la “esse maiuscola“, bisogna cioè intervenire tempestivamente, “affinché si blocchi definitivamente questa rincorsa dei prezzi, che sta portando le famiglie italiane ad un drastico impoverimento. Non è più possibile sostenere una situazione del genere, è necessario che tutte le Autorità intervengano per porre fine a questa raffica di aumenti ed operino al fine di restituire la fiducia ed un adeguato potere di acquisto a famiglie e pensionati“. Secondo le associazioni di consumatori, “è ora di promuovere l`alimentazione a Gpl per le automobili, mettendo finalmente in campo importanti opere di investimento, di incentivazione e di riconversione. Naturalmente, a questi provvedimenti si deve inoltre affiancare un ampliamento della rete di distribuzione“. Operando in questa direzione, sottolineano, si avrebbero infatti due importantissimi effetti: una riduzione delle spese in carburanti, visto che il Gpl costa circa la metà della benzina; una spinta verso la diminuzione del prezzo della benzina, vista la riduzione del suo consumo. Con la benzina, facendo in media due pieni al mese, si spendono oggi ben 1690 euro l`anno, 240 euro in più dal 1 gennaio 2007 quando la benzina era a 1,213 euro al litro.Il Gpl, sebbene consenta di fare meno chilometri con un litro, permetterebbe di risparmiare la considerevole cifra di circa 600 euro l`anno. Un`altra operazione fondamentale consiste nell`accelerazione del processo di riforma e razionalizzazione dell`intero settore di distribuzione dei carburanti, anche attraverso accordi bipartisan. Il risparmio previsto per la tale intervento è in media di 12-13 centesimi al litro, cioé 6 euro per ogni pieno di benzina, pari a 144 euro l`anno. Levata di scudi anche da parte del Codacons. “I consumatori, vista la situazione di crisi, sono sempre più in agitazione – spiega il presidente, Carlo Rienzi – non solo per il caro-pieno, ma per tutte le ripercussioni che l`incremento dei carburanti avrà su tariffe energetiche, alimentazione, trasporti con una stangata generale all`orizzonte pari a 510 euro annui a famiglia. Se l`emergenza sui carburanti non rientrerà in tempi brevi, e se non verranno prese misure in grado di alleggerire seriamente la spesa degli italiani – prosegue Rienzi – i consumatori, capeggiati dal Codacons, sono pronti a scendere in piazza e a manifestare per difendere il proprio portafogli e far sentire la propria voce“.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox