5 Gennaio 2017

= IL PUNTO = Istat,sale reddito famiglie e cala pressione fiscale

= IL PUNTO = Istat,sale reddito famiglie e cala pressione fiscale

(AGI) – Roma, 5 gen. – E’ in crescita il potere d’acquisto delle famiglie, e cala contemporaneamente la pressione fiscale. I dati sono relativi al III trimestre dell’anno scorso, e sono stati diffusi dall’Istat, e sono un segnale positivo in vista dei prossimi mesi. Nonostante salga il loro reddito, le famiglie pero’ sembrano poco propense a fare investimenti ‘importanti’ come l’acquisto di una casa e anzi piu’ inclini a fare le ‘formiche’, forse spaventate da anni di recessione economica e del timore di perdere il lavoro. I dati parlano infatti di un aumento della propensione al risparmio delle famiglie consumatrici del 9,3%, in crescita dello 0,6% rispetto al terzo trimestre del 2015. Su base congiunturale, si registra invece una lievissima flessione (-0,1%) ma cio’, spiega l’Istat, deriva da una crescita dei consumi finali di poco superiore a quella del reddito disponibile delle famiglie consumatrici (0,3% e 0,2% rispettivamente).
   Tornando al potere d’acquisto delle famiglie l’Istat rileva un aumento nel terzo trimestre rispetto al precedente dello 0,1%. In termini tendenziali, invece, il reddito disponibile delle famiglie consumatrici e’ aumentato dell’1,9% e il deflatore implicito dei consumi delle famiglie dello 0,1%, determinando una crescita del potere di acquisto dell’1,8%.
   Cio’ non determina necessariamente la voglia di investire, ad esempio nel ‘mattone’: anzi il tasso di investimento delle famiglie consumatrici (definito come rapporto tra investimenti fissi lordi delle famiglie consumatrici, che comprendono esclusivamente gli acquisti di abitazioni, e reddito disponibile lordo) nel terzo trimestre 2016 e’ stato pari al 5,9%, risultando invariato rispetto tanto al trimestre precedente che al corrispondente trimestre del 2015. In termini congiunturali si registra una lieve flessione degli investimenti fissi lordi (-0,2%) a fronte del contenuto aumento del reddito disponibile lordo. Infine, la buona notizia e’ che cala, nel III trimestre, la pressione fiscale: l’Istat fa sapere che e’ stata pari al 40,8%, segnando una riduzione di 0,2 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.
   Dati, questi, che non confortano i consumatori: questo perche’, secondo Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, presidenti, rispettivamente, di Federconsumatori e Adusbef, l’aumento del potere d’acquisto e’ vanificato dal livello allarmante della disoccupazione, che abbatte il reddito reale di oltre 400 euro a famiglia. Carlo Rienzi, presidente del Codacons, osserva che gli italiani, in una fase di grande incertezza economica e politica, sono diventati sempre piu’ ‘formiche’, ossia hanno incrementato il risparmio mettendo da parte i soldi, rimandando al futuro gli acquisti. “Questo non e’ certo un bene per l’economia nazionale, perche’ attesta un clima di generale sfiducia da parte delle famiglie”, conclude. (AGI) Pit

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this