fbpx
7 Luglio 2019

«Il porta a porta funziona ma la città resta sporca»

la raccolta differenziata dei rifiuti ha raggiunto il 73,48%
SANTERAMO IN COLLE. Con la raccolta differenziata, ad un anno esatto dall’ avvio del porta a porta, la città ha raggiunto il 73,48%. A comunicarlo dalla sua pagina facebook il sindaco, Fabrizio Baldassarre che spiega: «Questo vuol dire che la maggioranza dei santermani si comporta correttamente e differenzia bene i rifiuti prodotti. Nello specifico: imballaggi di carta e cartone 27,5 tonnellate, plastica 66,4 tonnellate, vetro 57,8 tonnellate, carta 61 tonnellate, legno 15 tonnellate, organico 225,3 tonnellate, rifiuti ingombranti 28 tonnellate, il resto indifferenziato». Un dato virtuoso che contrasta però con un dato di fatto: la città continua ad essere sporca e maleodorante. Attraverso i social molti testimoniano la pratica non corretta dell’ abbandono dei rifiuti oppure del non utilizzo dei mastelli, la mancata raccolta e la sporcizia. Ma i punti più critici del sistema di raccolta di rifiuti sono da individuare nella non corretta gestione dell’ isola ecologica. La mancanza di senso civico e la scarsa attenzione di alcuni portano all’ ac cumulo dei rifiuti lungo le strade del territorio comunale, determinando un serio rischio sanitario per le persone, oltre che una pessima cartolina per la città. «Continua l’ abbandono dei rifiuti da parte di nostri concittadini nel territorio di Santeramo e, in particolare, nelle campagne, a ridosso dei meravigliosi muretti a secco. Un comportamento irresponsabile e gravissimo – chiosa Baldassarre -. Grazie alla fattiva collaborazione dei carabinieri Forestali negli ultimi giorni sono stati “beccati” dalle fototrappole e sanzionati per 600 euro tre nostri concittadini. Ringrazio di cuore il comandante del reparto dei carabinieri Forestali per l’ azione incisiva che, sono certo, continuerà a produrre risultati. Informo altresì tutti gli sporcaccioni di Santeramo, e i forestieri, che anche in altri luoghi della città abbiamo posizionato altre fototrappole gestite dalla polizia locale. È una dichiarazione di guerra implacabile a chi se ne frega del rispetto delle regole e dell’ ambien te». Le colpe non stanno, comunque, da una sola parte: il cittadino «incivile» va educato e se è il caso multato con sanzioni salate, mentre la Tecnoservice, l’ azienda che gestisce i rifiuti sul territorio comunale non ha scuse. Per il locale Codacons il servizio di spazzamento e la gestione dei rifiuti è carente. «Ci sono zone della città, che non vengono mai pulite. Diverse strade sono state trasformate in discariche e i sacchetti di immondizia restano per ore, giorni, sui marciapiedi prima di essere rimossi – stigmatizza l’ av vocato Ettore Cardinali responsabile della sezione santermana -. Vero è che molto dipende dall’ in civiltà delle persone, ma è altrettanto vero che il servizio raccolta rifiuti fa acqua da tutte le parti. Pertanto il Codacons locale è pronto ad avviare un’ azione giudiziaria volta alla riduzione della tari. I cittadini che pagano la tari, salata, hanno diritto ad ottenere un servizio costante e concreto.Il problema va risolto una volta e per tutte».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox