fbpx
9 Giugno 2006

Il passo dell?oca e gli stati generali del calcio




Gli entusiasmi per l?imminente mondiale di calcio stentano a decollare, a giudicare dalle partite amichevoli di questi giorni. Per ora gli unici momenti di tifo li ha offerti il nuovo ministro dello sport (e delle ?politiche giovanili?, una parolaccia che non si sa cosa significhi), on. Giovanna Melandri, in visita al ?raduno? di Coverciano. L?aggettivo utilizzato dal Corriere della Sera, richiama i raduni oceanici e la conquista di antichi mondiali nell?era del socialnazionalismo di Mussolini. Vestita da un tailleurino color panna, affranta da un paio di sandali molto virili, dato che pioveva, il neo ministro ha dichiarato che oltre all?attività pedestre ??C?è un?altra partita, c?è un?altra squadra, capitanata dal professor Rossi, a cui è stato affidato il compito importante di restituire trasparenza e onore al calcio italiano. Il governo è al fianco di queste due squadre allo stesso modo?. Nel segno della Glasnost sovietica, il passo dell?Oca si è dimostrato efficace, semplice, concreto. A scanso di equivoci precisiamo che non ci piacciono le ingerenze del Governo nelle cose dello sport. Anche se il governo fosse di centrodestra.

Il ministro ha risposto da par suo alle sollecitazioni pervenute da alcune organizzazioni che mirano al miglioramento della socialità nel primo anni dell?era neosocialista. Era stato infatti lo stesso presidente del Codacons a invocare un salvifico intervento ministeriale: “Chiediamo al ministro Melandri di esaminare la situazione e prendere provvedimenti valutando sia l`opportunità di far ancora guidare la nazionale di calcio a Lippi, sia il caso di ritirare in toto la squadra dai prossimi Mondiali, o semplicemente non convocare tutti quei soggetti coinvolti nello scandalo?. L?onorevole Melandri ha risposto da par suo, senza clamorosi interventi e senza azioni dirette. Con passo pallido ma deciso, i sandali rivolti verso Coverciano, ha menato un colpo a Lippi e uno a Totti. Pur senza licenziare nessuno, ha mandato un avvertimento universale: la vera partita del calcio la guida Rossi. L?altro ieri, i calciatori hanno dimostrato di aver capito il messaggio: Italia-Svizzera 1 a 1. Intanto Diego Della Valle sta lentamente risorgendo. Lippi è semi-out, Moggi è out. Le truppe calciopolitiche marciano compatte alla conquista della Coppa del Mondo: ?Noi tireremo dritto… La dichiarazione di guerra è già stata consegnata agli allenatori di Gran Bretagna e Francia?.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox