7 Gennaio 2012

Il nodo commercio, Zaia e Tondo divisi sulla liberalizzazione   

Il nodo commercio, Zaia e Tondo divisi sulla liberalizzazione 
 

 
TRIESTE «Non entro in casa d’ altri». Luca Zaia non commenta lo strappo della Lega Fvg, tanto meno apre un nuovo fronte polemico dopo aver contestato l’ annunciato ricorso del collega Renzo Tondo alla Corte costituzionale contro i tagli di spesa alle "speciali" imposti dal governo Monti. Ma, in un destino comune per due governatori che qualche giorno dopo, a Klagenfurt, siglavano il protocollo per l’ Euroregione, ecco che sul commercio le strade si divaricano di nuovo. Stavolta è Zaia a minacciare il ricorso contro Roma, mentre Tondo sostiene al contrario che, su orari e aperture festive, i Professori hanno scelto bene. E se il governatore veneto non ha dubbi, Verona e Padova non sono Milano, Roma o Parigi e dunque i negozi non possono restare sempre aperti, e tira dritto al punto da scatenare la reazione del Codacons che prepara contro di lui la denuncia all’ Antitrust, il presidente carnico non cambia idea, pur sapendo che la Lega regionale darà battaglia. Federica Seganti, dopo Pietro Fontanini, è esplicita: «Fossi stata assessore al Commercio, mi sarei ribellata». Assente giustificata alla conferenza stampa di inizio anno, Seganti parla di «problema non banale, specie in un momento di crisi», ricorda come la Lega, fin dai primi tentativi di deregulation anni Novanta, «ha lavorato per norme a tutela del piccolo commercio» e aggiunge: «Contenere le aperture domenicali è un impegno della campagna elettorale che tiene conto di quanto accade nel vicino Veneto e in Austria. Le liberalizzazioni servono se portano benefici ai consumatori, questo è un provvedimento che farà aumentare i prezzi, a beneficio solo dei grandi gruppi che fanno speculazione immobiliare». Tondo, come Illy, rischia il malcontento popolare sulle saracinesche alzate? «Non ho la sfera di cristallo – dice l’ assessore al Turismo -, ma una vicenda che penalizza migliaia di lavoratori va gestita in maniera molto oculata». (m.b).

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox