3 Luglio 2011

Il ministro: “Il Palio non è intoccabile”

Il ministro: «Il Palio non è intoccabile»
 

Dal ministro del Turismo Brambilla al Codacons, passando per le associazioni animaliste. All’ indomani della morte del cavallo ‘ Messi’ durante le prove del Palio di Siena, tornano moltiplicate le proteste contro l’ utilizzo di animali nelle manifestazioni in generale e dei cavalli nei Palii in particolare. «Il Palio non è intoccabile – ha dichiarato il ministro – credo che sia giunto il momento di sottoporre a un esame rigoroso il Palio di Siena e altre competizioni in cui creature viventi vengono sfruttate e rischiano la vita per il solo divertimento dell’ uomo». Un messaggio che arriva dritto a Ferrara, dove peraltro il povero Messi aveva corso all’ ultimo Palio per la contrada di San Benedetto, mentre in sella – per la ‘ Chiocciola’ – c’ era il fantino Antonio ‘ Sgaibarre’ Villella, che sempre nel corso dell’ ultima edizione aveva gareggiato in piazza Ariostea per i colori di Santa Maria in Vado. La triste sorte di Messi, dopo un periodo di relativa bonaccia, ha dunque rimesso in discussione la stessa sopravvivenza delle gare dei cavalli al Palio: il Codacons ha annunciato un esposto alla Magistratura per chiedere alle autorità competenti di vietare palii e gare che utilizzano animali. Un’ iniziativa a cui si uniscono numerose associazioni animaliste ferraresi, che ricordano la scadenza, il 7 settembre, dell’ ordinanza Martini sulle norme di sicurezza da adottare a tutela dei cavalli durante le rievocazioni storiche: un’ occasione per rinnovarla introducendo un giro di vite definitivo: mai più Palii con gare dei cavalli. Una proposta irricevibile, per il presidente dell’ Ente Palio di Ferrara, Vainer Merighi: «Sono rattristato per la morte del cavallo, ma sarebbe sbagliato desistere. Ricordo che a Ferrara le norme dell’ ordinanza Martini erano state anticipate di cinque anni». Nel 2006 il Palio estense era stato funestato da una rovinosa caduta con la morte di due cavalli. Ma quell’ episodio, sottolinea ancora Merighi, portò l’ Ente a potenziare le misure di sicurezza: «Negli ultimi cinque anni, tra gare e prove, in piazza Ariostea hanno corso oltre cento cavalli e non è mai successo nulla». Due anni fa un’ altra caduta (del fantino Zedde proprio in sella a Messi), per fortuna senza conseguenze, aveva gelato piazza Ariostea: «Le cadute possono succedere. Se nessuno si è fatto male, è la dimostrazione che la pista è sicura», ribatte il presidente. Il Palio «è una grande opportunità per tutti». E a chi suggerisce di trasferire la corsa dei cavalli all’ Ippodromo risponde: «Non ha senso. Chi cura il Palio non è un organizzatore di gare ippiche. Il Palio è un’ altra cosa, è una rievocazione storica e culturale e piazza Ariostea è la sua cornice naturale. Il Palio non è puro divertimento, è passione e rigore. E amore per gli animali. La gente del Palio rispetta i cavalli, li tratta bene, li coccola, e non si sente moralmente inferiore a chi pretende di avere verità assolute». Di certo suona sincero il dispiacere per la morte di Messi espresso da Lorenzo ‘ Linus’ Linoso, presidente della contrada di S.Benedetto per la quale Messi aveva gareggiato a maggio: «Tutta la Contrada è addolorata, era un cavallo di una dolcezza infinita. Per noi i cavalli sono come animali domestici e sono trattati al meglio». E alle contestazioni risponde: «Si confonde la passione che si mette nel Palio con lo sfruttamento, mescolando tra loro cose che non c’ entrano niente. Nessuno va a guardare i concorsi di salto o le gare di Polo, si preferisce scagliarsi contro persone come noi. Messi a Ferrara era stato trattato come un pascià, e sono convinto che la Chiocciola ha fatto altrettanto. In queste polemiche io vedo speculazione, frutto di disinformazione e superficialità. Gli animalisti dovrebbero venire tra le Contrade, vedere e verificare i sacrifici che si fanno per mantenere i cavalli, e mantenerli bene. Con questo principio, dopo la tragedia del Giro d’ Italia, si dovrebbe proibire anche il ciclismo».(a.m.)
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox