12 Marzo 2010

Il Keplero fa litigare politici e prof

Si infiamma la polemica sulla scelta del Keplero di dotarsi di distributori di preservativi e assorbenti. L´installazione delle macchinette è slittata di alcuni giorni «ma solo per problemi tecnici, non abbiamo cambiato idea», fa sapere il referente per l´educazione alla salute della scuola, Roberto Casalini. La scuola sta attendendo, inoltre, che i tecnici visitino la succursale e che la Lila (Lega italiana per la lotta contro l´Aids) presenti il progetto per i corsi sulla prevenzione dell´Hiv. Che interesseranno tutti gli studenti dai 14 ai 18 anni. «Mi sembra una bellissima idea», ha commentato la candidata alla presidenza della Regione, Emma Bonino, mentre dal centro-destra e dal mondo cattolico piovono le critiche. Se un editoriale di Avvenire – il quotidiano della Cei – stigmatizzava ieri «l´obiettivo corto del preside del Keplero», anche il sindaco, Gianni Alemanno censura l´iniziativa. «Credo sia infantile pensare che i giovani abbiano bisogno di questi distributori. E dall´altro lato mi sembra un cattivo messaggio per i ragazzi». «Alemanno ha dato una valutazione sui generis del nostro progetto di educazione alla salute, senza conoscerlo – ribatte il preside, Antonio Panaccione – Siamo stanchi di chi cavalca politicamente i problemi per farli diventare una bandiera di parte». «L´Aids è una piaga che affligge i ragazzi – continua il dirigente – Vorrei sapere cosa propongono coloro che ci criticano per risolvere il problema, quando sono 60 anni che non riescono a farlo». «La cosa paradossale – aggiunge Casalini – è che mentre fuori infuria la polemica, noi qui non abbiamo avuto una sola voce di dissenso, nemmeno da parte dei genitori». Se Azione studentesca e il consigliere provinciale del Pdl Federico Iadicicco (che ha presentato un´interrogazione urgente al presidente Nicola Zingaretti) contestano l´utilità del progetto, la formazione "Il Popolo della Vita – La Voce dei Consumatori" ieri mattina ha polemicamente distribuito ombrelli gratis agli studenti del Keplero: «Il primo strumento che li possa riparare sia dalle intemperie che da pericolose operazioni dirette a farne cavie da pubblicità progresso». Un sì con riserva alla scelta del Keplero arriva invece da Codici e Codacons.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox