27 Ottobre 2009

Il greggio cala, la benzina vola

Consumatori contro i rialzi ritenuti ingiustificati

 
ROMA «Indignazione, sconcerto, scandalo». Sono questi i termini usati ieri dalle associazioni dei consumatori per tornare all’attacco sul tema del prezzo della benzina: i nuovi rialzi «indignano» e sono ingiustificati visto che, dicono i consumatori, le quotazioni del petrolio sono in diminuzione. Il petrolio, infatti, anche oggi ha viaggiato sotto quota 80 dollari sui mercati internazionali. Al distributore invece Erg, Esso e Q8 hanno ritoccato all’insù i listini. E la polemica sul caro-benzina torna a tenere banco.RIALZI – Secondo le rilevazioni quotidiane di Staffetta Quotidiana, infatti, nel weekend Esso ha aumentato di 3 millesimi il prezzo di benzina verde e gasolio. Rialzi più significativi da parte di Erg e Q8 (tra i 6 e i 10 millesimi). I prezzi della benzina applicati da Agip, Total e Tamoil sono invece al di sotto di 1,32 euro al litro.AUMENTI INGIUSTIFICATI – Adusbef e Federconsumatori parlano di aumenti ingiustificati: «È scandaloso – sostengono le due associazioni dei consumatori – che tali aumenti si registrino nel momento in cui c’é una maggiore valutazione dell’euro sul dollaro, nonché un calo del prezzo internazionale del petrolio. Questioni che – concludo le due associazioni – dovrebbero determinare non aumenti, bensì riduzioni».  Il Codacons, intanto, valuta in 80-120 euro l’anno la maggior spesa che gli automobilisti dovranno affrontare a causa dei rialzi. E sottolinea: «L’Italia è ai primi posti della classifica europea sul fronte del caro benzina». Secondo i rilievi dell’associazione, infatti, in Italia un litro di verde costa molto di più rispetto al prezzo di 1,229 euro applicato in Francia, all’1,302 della Germania, all’1,072 in Austria e a 0,873 euro al litro in Romania. I consumatori chiedono dunque al Governo «quali misure intenda adottare in favore dei cittadini italiani, i più penalizzati».PETROLIO – Sul fronte degli scambi internazionali del petrolio, intanto, il presidente dell’Autorità per l’Energia, Alessandro Ortis, rileva che «quello del petrolio non è un mercato, al massimo un settore, una piattaforma». Per il presidente dell’Authority l’Europa deve «intervenire, "svegliando" l’Agenzia internazione per l’energia e stabilendo nuovi rapporti con i Paesi produttori».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox