25 Aprile 2007

IL GARANTE DELL`ENERGIA SCRIVE AL GOVERNO: BOLLETTE TROPPO CARE

IL GARANTE DELL`ENERGIA SCRIVE AL GOVERNO: BOLLETTE TROPPO CARE
“Basta con le soprattasse sulla luce“

Basta con le soprattasse sulle bollette elettriche. L` Autorità per l`energia elettrica e il gas ha chiesto al Consiglio dei ministri e al Parlamento di abrogare gli oneri fiscali e gli oneri di sistema introdotti dalle ultime due Finanziarie sulle tariffe. “Il costo annuale delle forniture elettriche – scrive il presidente dell`Authority Alessandro Ortis – è aumentato di 135 milioni di euro, 150 milioni considerando anche l`Iva“. Tutta colpa di un prelievo aggiuntivo di tipo fiscale e di oneri di sistema previsti per i costi di smantellamento delle centrali nucleari. “La destinazione a finalità generali dei fondi raccolti – aggiunge Ortis – contraddice i principi di generalità e progressività alla base di tutte le misure in materia tributaria“. Per questo motivo, l`Autorità propone al governo e al Parlamento l`abrogazione delle disposizioni contenute nelle Finanziarie 2005 e 2006. Nella stessa segnalazione, il garante per l`energia propone anche l`abrogazione dell`Iva sulle voci della bolletta elettrica, che incide per 670 milioni di euro l`anno. “Gli oneri di sistema – spiega Ortis – sono imposti per finalità specifiche e tassativamente definiti da norme primarie. Il fatto che tali oneri parafiscali non siano direttamente riconducibili a una prestazione fornita al consumatore finale rende evidente l`anomalia di assoggettarli all`imposta sul valore aggiunto“. Gli oneri di sistema sono voci, costi e extracosti che gravano sulla tariffa elettrica ma non sono legati ai costi di produzione, trasmissione e distribuzione dell`elettricità. Sono previsti per legge e riguardano i costi connessi allo smantellamento delle centrali elettronucleari dimesse, i costi per attività finalizzate all`innovazione tecnologica, i costi per la promozione della produzione di elettricità da fonti rinnovabili e assimilate, il rimborso dei costi non recuperabili dalle imprese per il passaggio al regime di mercato, la copertura delle integrazioni tariffarie alle imprese elettriche isolane e le compensazioni ai comuni dove sono presenti depositi di scorie radioattive. La richiesta di abrogazione da parte dell`Autorità per l`energia elettrica e il gas è stata accolta con favore dalle associazioni dei consumatori. Su tutte il Codacons, che chiede anche l`abolizione delle altre soprattasse inutili. “L`Autorità – dice il presidente Carlo Rienzi – farebbe bene a prestare attenzione anche a quelle voci di bolletta che rappresentano balzelli e soprattasse inutili e che da decenni vanno a incrementare la spesa elettrica delle famiglie italiane. Sono certo, tuttavia, che i richiami del garante rimarranno inascoltati fino a che la stessa Autorità non potrà imporre autonomamente l`abrogazione di comportamenti o oneri lesivi dei consumatori“.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this