fbpx
28 Ottobre 2010

IL GARANTE DELLA PRIVACY APRE UN’ ISTRUTTORIA SUL CASO SCAZZI

 Alla fine, tra pullman di turisti della morte e l’ ossessivo martellamento mediatico da e su Avetrana, il Garante per la Privacy ha aperto una istruttoria preliminare per violazione della privacy relativamente all’ omicidio di Sarah Scazzi, accogliendo l’ esposto presentato in proposito dal Codacons .
Il Garante si è rivolto a Rai, Rti, Sky e Telecom per avere informazioni.
Nella lettera inviata dal Garante si legge che, nell’ ambito di una istruttoria preliminare, si invitano gli editori a voler specificare se hanno diffuso i dati concernenti le indagini sull’ omicidio Scazzi e, in caso affermativo, a far pervenire, entro il 4 novembre le proprie osservazioni.
«Ciò al fine – riporta il Codacons – di verificare la liceità del trattamento in rapporto alla disciplina sul segreto delle indagini preliminari e al divieto di pubblicazione degli atti giudiziari nonché in rapporto alle garanzie poste dal Codice in materia di protezione dei dati personali».
Ma non basta.
Ora il Codacons sollecita anche un intervento del Guardasigilli Angelino Alfano: «Attendiamo una ispezione da parte del ministro, a cui stava tanto a cuore l’ approvazione della cosiddetta legge bavaglio sulle intercettazioni e sull’ informazione».

 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox