16 Gennaio 2020

Il freddo nelle classi del “De Gasperi” fa litigare Codacons, grillini e sindaco

Aci S. Antonio. «Scuole santantonesi al freddo e al gelo». La denuncia, che ha subito registrato la replica dell’ Amministrazione che ha invece parlato di normale guasto già risolto, è stata compiuta attraverso note separate dal Codacons e dal Movimento 5 Stelle.«Non è ancora tornata alla normalità la situazione nell’ Istituto comprensivo Alcide De Gasperi – ha scritto Veronica Russo, responsabile comunale dell’ associazione – che ha ripreso le lezioni al freddo. Il Codacons denuncia l’ incresciosa situazione che sono costretti a subire gli studenti di alcune classi. Secondo la legge 81 del 2008 all’ interno degli edifici scolastici, durante i mesi invernali la temperatura deve variare tra i 18 e i 22 gradi, con una tolleranza ammessa di un grado. Secondo quanto hanno denunciato i genitori, dalla ripresa delle lezioni la temperatura è molto più bassa nel plesso centrale. Una situazione inaccettabile».A rincarare la dose anche il consigliere pentastellato Giuseppe Finocchiaro: «Evidentemente dalle parti del Municipio non patiscono le rigide temperature invernali. O altra ipotesi è che la sconfinata creatività degli amministratori santantonesi si sia spinta a improvvisare un remake del celebre “Tu scendi dalle stelle”, con protagonisti stavolta i piccoli allievi santantonesi. Inutile ribadire il totale disinteresse del sindaco Caruso e degli assessori, in questo caso Orfila, su ormai ogni singola questione che interessi la comunità».A Codacons e consigliere ha risposto il sindaco Santo Caruso: «Al Codacons comunichiamo che il plesso centrale della De Gasperi ha avuto un guasto solo al primo piano e, come da contratto, la ditta è subito intervenuta per ripararlo, riparandolo: il plesso non presenta, dunque, problemi relativi al riscaldamento. Com’ è normale che sia, a un guasto è seguita una riparazione da parte di chi di dovere. Viene evidenziata la legge 81, ma ci teniamo a far presente che la conosciamo bene: con questa Amministrazione è stata posta particolare attenzione a tematiche del genere, al punto che sono state rese sicure tutte le caldaie del territorio.«All’ ironia spicciola di Finocchiaro – aggiunge – rispondiamo invece dicendo che è normale, fisiologico, che in 13 plessi presenti sul territorio possano presentarsi dei guasti, ma dovrebbe sapere che sono plessi costantemente monitorati e che, se accade qualcosa chi di dovere interviene. In un caso simile non è colpa né dell’ Amministrazione né degli uffici e cercare di additare l’ ente è fuorviante, come lui sa bene».Antonio Carreca.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox