12 Marzo 2020

Il Comune chiede risorse per imprese e famiglie

Sospendere l’ avvio di nuove procedure di riscossione coattiva dei tributi e delle azioni cautelari ed esecutive. È la richiesta che il sindaco Sergio Abramo e l’ assessore alle Attività economiche Alessio Sculco, tramite il settore servizi finanziari, hanno inviato alla Soget, la società che si occupa della riscossione dei tributi. «È importante – spiega Abramo – ridurre l’ impatto su imprese, professionisti e lavoratori». Il governo starebbe ora predisponendo misure per il fisco, come la sospensione dei versamenti di ritenute fiscali e contributi previdenziali. «L’ auspicio è che rientrino anche la sospensione delle rate delle sanatorie e il rinvio dei termini di adempimenti e scadenze fiscali». Il Codacons ha rilanciato chiedendo all’ Anci di bloccare ogni richiesta di pagamento, non solo le nuove: «I cittadini per pagare le procedure in corso dovranno uscire perché avranno i conti bloccati. E al sindaco Abramo chiediamo di sospendere le procedure esecutive in corso, le rateizzazioni e le scadenze di tributi e canoni idrici». Il presidente del Consiglio comunale Marco Polimeni ha invece chiesto alla Regione tre misure per imprese e famiglie: immissione di liquidità nelle aziende più colpite dalla crisi e alle famiglie, integrando le risorse stanziate dal governo; sblocco immediato dei pagamenti ai fornitori della Regione, che creerebbe un istantaneo ritorno positivo all’ economia del territorio; risorse per la promozione dell’ immagine del territorio una volta terminata l’ emergenza, per non penalizzare oltre la prossima stagione turistica.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox