28 Febbraio 2008

Il colosso: Siamo prontia collaborare

Il colosso: Siamo prontia collaborare

Il traffico sull`autostrada Palermo-Messina finora non è stato interrotto, anche se i carabinieri e la Guardia di Finanza di Caltanissetta hanno posto sotto sequestro la galleria “Cozzo Minneria“ che si trova nei pressi dello svincolo di Castelbuono. Il provvedimento è stato disposto dal pm Nicolò Marino nell`ambito dell`inchiesta avviata poco più di un mese addietro dalla Direzione distrettuale antimafia nissena nei confronti della Calcestruzzi Spa a proposito delle presunte collusioni tra l`azienda bergamasca e Cosa Nostra. Inchiesta scaturita dalle dichiarazioni di un ex dipendente, Salvatore Paterna, riscontrate da intercettazioni ed accertamenti tecnici da cui risulterebbe, come sostiene la Procura di Caltanissetta, che la società avrebbe fornito calcestruzzo di qualità difforme rispetto a quanto previsto nei contratti di appalto. Con il risultato che i guadagni così ottenuti sarebbero stati destinati, affermano i magistrati inquirenti, “per fini illeciti, con vantaggi anche per Cosa Nostra“. Per la galleria “Cozzo Mineria“, lunga 2.509 metri, il decreto di sequestro è stato disposto per potere svolgere gli accertamenti tecnici sul calcestruzzo utilizzato per la realizzazione dell`opera e che è stato fornito, appunto, dalla “Calcestruzzi Spa“. La galleria è chiusa al traffico da alcuni mesi a causa di lavori in corso. Sulla struttura, il procuratore aggiunto Renato Di Natale e il sostituito della Dda, Nicolò Marino, hanno disposto accertamenti tecnici che saranno svolti da consulenti della Procura per accertare la stabilità dell`opera. La galleria ? in direzione di marcia da Palermo verso a Messina ? è stata affidata in custodia e gestione al direttore regionale per la Sicilia dell`Anas e al direttore generale del Consorzio Autostrade Siciliane Spa. In ogni caso, si legge in una nota diffusa dall`ufficio stampa dello stesso Consorzio ? di cui ieri è stato insediato dal vicepresidente Giuseppe Faraone il nuovo collegio dei revisori dei conti (presidente Gianni Di Bella di Cfaltanissetta, nominato dal ministero dell`Economia e Finanze, consiglieri Carmela Taglierini per l`Anas, Giancarla Musarra per l`assessorato regionale al Bilancio, Francesco Lala per l`assessorato regionale ai Lavori Pubblici, Giuseppe Migliore, Salvatore Rizza e Carmelo Licitra in rappresentanza dei soci Cas) ? “la viabilità non subisce alcuna modifica in quanto la galleria resta regolarmente aperta al traffico“. Nel frattempo, Francesco Tanasi, segretario nazionale del Codacons, chiede che i controlli alle strutture vengano estesi a tutte le opere realizzate con materiali forniti dalla “Calcestruzzi spa“ e propone di avviare una “class action“ per tutelare i consumatori italiani. “Quando qualche tempo fa scoppiò lo scandalo del cemento depotenziato, domandammo ? afferma Tanasi commentando il sequestro disposto dalla Procura di Caltanissetta ? di estendere i controlli a tutte le opere realizzate con quei materiali. Con nostra soddisfazione, i lavori stanno procedendo in questo senso ed il nostro plauso va dunque all`operato del pm Nicolò Marino“. In ogni caso, Tanasi ribadisce “la volontà di avviare un`azione collettiva per il risarcimento dei danni provocati dall`utilizzo di materiali non idonei alla costruzione. La class action partirà dalla Sicilia, ma interesserà tutti i consumatori d`Italia danneggiati dall`operato della Calcestruzzi Spa“. Anche Legambiente vuole conto e ragione sull`operato della società bergamasca. “Gli sviluppi dell`inchiesta sulla Calcestruzzi ? si legge in un nota ? confermano ancora una volta la gravità della situazione e la pericolosità delle conseguenze che una gestione criminale del ciclo del cemento può portare non solo in Sicilia ma su tutto il territorio nazionale. Una preoccupazione peraltro ribadita anche dall`ultima relazione della Direzione Nazionale Antimafia. È necessario ? continua Legambiente ? che la politica regionale, soprattutto in vista delle prossime elezioni amministrative, prenda una posizione chiara sul rapporto spesso ambiguo tra imprese ed organizzazioni criminali soprattutto per quanto riguarda il flusso dei finanziamenti per opere pubbliche e la promozione dello sviluppo. I candidati a governare la Regione si confrontino apertamente sul problema e si facciano garanti della legalità visto che numerose inchieste dimostrano come il denaro destinato alla crescita in Sicilia finisca con l`alimentare circuiti illegali lasciando la regione arretrata nonostante le ingenti risorse finanziarie spese negli anni“.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox