5 Dicembre 2008

Il Codacons protesta “Pochi i bus per il Diano”

 «I collegamenti con Salerno e Napoli sono in costante diminuzione».  La denuncia arriva dal Codacons di Sala Consilina che, attraverso un dettagliato comunicato stampa, ha messo in luce come di anno in anno i collegamenti con i capoluoghi di provincia e regione vengano progressivamente ridotti .  «Rivedere un orario ferroviario fermo al 1982 – spiega Rocco Panetta, responsabile del settore trasporti del Codacons – rende l’idea, più di ogni discussione, del regresso raggiunto nel Vallo di Diano in materia di collegamenti con Salerno e Napoli. Esistevano, tutti i giorni, compresi i festivi,sette corse andata e ritorno di treni per Salerno e una corsa andata e ritorno per Napoli, in un arco orario compreso tra le 5 e le 24. Oggi le corse con autobus del servizio sostitutivo Trenitalia sono diventate cinque,con andata e ritorno per Battipaglia e due per Napoli, in un arco orario che va dalle 5 alle 19. Questo soltanto nei giorni feriali». E la situazione è particolarmente tragica nei giorni festivi quando invece le corse sono quasi inesistenti. «Nei giorni festivi – si legge nella nota dell’associazione dei consumatori – c’è solo unacorsa per Battipaglia ed una per Napoli, invece non c’è nessuna corsa da Battipaglia e Napoliverso il Vallo di Diano».  Dal quadro della situazione fatto dal Codacons, emerge che il Vallo di Diano nelle fasce orarie notturne e nei giorni festivi è completamente isolato dal resto della Provincia. «Al peggio non c’è mai fine – continua Panetta – infatti, il prossimo 14 dicembre rischia di passare alla storia come il giorno della chiusura definitiva della linea ferroviaria Sicignano-Lagonegro. Dal 2009, il servizio di collegamenti con autobus sará garantito dalla Provincia di Salerno che espleterá una gara d’appalto».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox