21 Maggio 2004

Il Codacons presenta la lista

Il Codacons presenta la lista. Assente il presidente nazionale Carlo Rienzi

In corsa per tutelare i diritti.
Di Lieto: «Ci rivolgiamo a chi è stanco di subire»


«UNA lista fatta per dare voce a chi é stanco di subire. Una lista per chi vuole dire basta. Una lista di gente comune per gente comune».
Con questi slogan ieri mattina nell`associazione provinciale del Codacons sono stati presentati alcuni dei candidati che correrranno con l`associazione dei consumatori per il rinnovo del consiglio provinciale.
Carlo Rienzi, presidente nazionale del Codacons, e a sua volta candidato in due collegi della provincia di Catanzaro, non era presente all`incontro, così come annunciato, complice della defezione, la cancellazione del volo mattutino Roma Lametia.
A farne le veci, per la presentazione dei candidati, il responsabile provinciale dell`associazione Francesco Di Lieto e Michele Mauro, uno dei quindici candidati, che copriranno i trenta collegi.della provincia di Catanzaro.
«Non abbiamo improntato il programmma su ciò che faremo – ha detto Mauro – ma su quello che abbiamo fatto.
Siamo nati per dare voce a chi ha vogli di dire basta ai soprusi giornalieri. Soprusi piccoli, che si consumano quotidianamente, quando andiamo a fare la spesa, quando paghiamo le nostre bollette».
«Ci sono diritti – ha detto Di Lieto – che vengono fatte passare come concessioni, e così non é. Accedere ai servizi della sanità o a quelli dei nostri comuni, é un diritto di ogni cittadino che paga le tasse».
A proposito del ruolo dell`ente intermedio Di LIeto ha detto «Per come viene concepita oggi la provincia e la sua amministrazione, l`ente intermedio risulta avere un ruolo assolutamente obsoleto.In particolare – ha continuato il candidato a presidente di Palazzo di vetro – la gestione di centro destra, ha prodotto solo atti di faciata, che non hanno contribuito a migliorare o aumentare la qualità della vita, né in questa città, né nella provincia».
«Stando a quanto ci riferisce un` indagine, commissionata dal Codacons nazionale, all`istituto di ricerca di Renato Manhaimer – ha continuato Di Lieto – sarebbe di quasi il 60 per cento, la soglia di italiani che probabilmente non voteranno perché disaffezionati e disillusi dalla politica. A queste persone ci rivolgiamo. Non abbiamo voluto indossare nessuna casacca, di nessun colore, perché ci siamoà sempre contraddistinti per la libertà delle nostre battaglie, condotte solo nel bene e nell`interesse della gente comune».

Dal Codacons di Catanzaro, sono partite importanti battaglie in difesa dei consumatori.
Sentenze emesse dall`ufficio del giudice di pace del capoluogo su istanza dell`associazione consumatori, come quella contro la Telecom, il rimborso per i disagi causati dal black out, hanno sicuramentecostituito un precedente, così come la lotta sui fermi amministrativi «Se qualcuno si presenta con lo slogan Detto Fatto – ha concluso Di Lieto – noi ci presentiamo con la nostra storia e con quello che abbiamo fatto concretamente, magari senza dirlo. Il nostro é un laboratorio politico in crescita, che non concluderà la sua esperienza il tredici di giugno, ma proseguirà.
Tant`é vero che noi abbiamo delle proposte da fare ad entrambe gli schieramenti».
«Prposte – ha detto il candidato Mauro – che non vogliamo fare ora per non sembrare demagogici, ma che se ascoltate, non si coloreranno con nessuna connotazione politica, ma saranno portate avanti nel solo interesse della gente che vorrà darci la sua fiducia e che noi rispetteremo».
La lista dell`associazione consumatori é stata per il momento esclusa dalle elezioni europee, per un ritardo nella presentazione, l`associazione ha però presentato ricorso al Consiglio di Stato.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox